BUROCRAZY. LA GIUNGLA DELLE LEGGI di Lebigre-Roger

Carnevale di Viareggio 2017, ecco i carri di Prima Categoria nella nostra foto gallery e, sotto, le parole che i maestri della cartapesta hanno usato per presentare le proprie opere.

La competizione di annuncia già serrata, con costruzioni molto interessanti e di impatto, ognuna a modo suo mirabile e significativa.

Carnevale di Viareggio 2017, Facce e Maschere dal Primo Corso

Le costruzioni di Prima Categoria del Carnevale di Viareggio 2017

 

L’IMMAGINARIO ITINERANTE, IL GRANDE SPETTACOLO DELLA VITA di Massimo Breschi

La bellezza della vita messa in percilo dall’avidità della vita. Un terribile teschio meccanico si nasconde dietro l’immagine rassicurante della bellezza, alternandosi sul traballante carrozzone della vita.

 

FRONTIERE di Alessandro Avanzini

Il dramma delle migrazioni dei popoli, i nazionalismi e il sorgere di muri e barriere al centro di questa costruzione che con crudezza analizza la realt: transitano le merci, ma non gli uomini.

 

BANG BANG di Umberto e Stefano Cinquini

Trump approda per la prima volta al Carnevale di Viareggio. E’ il simbolo fi un’Americ che rischia di tornare selvaggia, come ai tempi del Far West quando era normale sparare nei saloon.

 

 

BUROCRAZY. LA GIUNGLA DELLE LEGGI di Lebigre-Roger

Montagne di scartoffie, tonnellate di carte documenti seppelliscono ogni giorno la vita degli italiani stretti a districarsi in un’autentica giungla di leggi che paralizzano l’Italia.

 

 

IL SEME DELLA BELLEZZA di Fabrizio Galli

Dopo la ferocia barbarica della distruzione che gli valse lo scorso anno il primo premio, la speranza di una rinascita nel segno della Belelzza. Un sequel di ‘Barbarians’, insomma, sempre ispirato a Michelangelo. La Bellezza nelle sue varie espressioni, a suo modo di vedere, può sconfiggere la paura del diverso.

 

IL PIANETA X di Franco Malfatti

Secondo l’autore il vero male del mondo è l’uomo che con la sua forza distruttiva continua a minacciare l’ecosistema. Il protagonista è un astronauta, perché in futuro l’uomo potrebbe essere costretto a trovare altri pianeti dove ripartire da zero. A patto di non sciupare un altro pianeta…

 

BORUCA. DIETRO LA MASCHERA di Uberto e Luigi Bonetti

Troneggia l’albero della vita, sacro per il popolo Borica, una delle poche comunità indigene del Costa Rica che è scamapata alla colonizzazione spagnola. La costruzione è un invito a ritrovare se stessi, la voglia di vivere e di libertà.

 

ORSA MAGGIORE di Carlo Lombardi

Il surriscaldamento del pianeta sta mettendo in serio pericolo i giacciai nei due Poli. L’orso bianco che emerge dai ghiacci è il simbolo di una natura che vuole ribellarsi. Il suo è un urlo disperato di un animale ferito che vuole difendere i suoi figli.

 

CHINATOWN STREET di Roberto Vannucci

La Cina è diventata una super potenza mondiale superando anche gli Stati Uniti. L’autore immagina la trasformazione di Wall street, sorica sede dell’alta finanza, in Chinatown street. E così anche i simboli americani a iniziare dal gigantesco bufalo ormai cinesizzato.

 

Carnevale di Viareggio 2017, prima giornata agli archivi con grande spettacolo e con costruzioni di Prima Categoria che non hanno deluso le attese.

(Visitato 23.894 volte, 2 visite oggi)

Lascia un commento