Anche la Viareggio Cup si arrende al Coronavirus: stop al torneo di calcio che avrebbe dovuto tenersi dal 16 al 30 marzo. In base al decreto del Governo che impone fino al 3 aprile lo svolgimento di manifestazioni a porte chiuse, gli organizzatori hanno deciso di sospendere lo svolgimento dell’evento.  “La priorità è la salute di tutti”, ha affermato il presidente Alessandro Palagi. Da definire le nuove date.

Stop alla 72ª Viareggio Cup, che avrebbe dovuto iniziare il prossimo 16 marzo: si tratta di un rinvio, non di un annullamento. «La manifestazione è momentaneamente sospesa ma è nostra intenzione disputarla quando ci saranno le giuste condizioni, superata l’emergenza Coronavirus – afferma il presidente del Centro Giovani Calciatori, Alessandro Palagi -. La volontà della società che rappresento è stata quella  di andare incontro prima di tutto alla tutela della salute pubblica: al tempo stesso siamo già all’opera, confrontandoci continuamente con Rai e Figc, per trovare altre date, passato il momento dell’emergenza, per lo svolgimento del Torneo». L’ipotesi più plausibile è a fine stagione, maggio-giugno. «Siamo arrivati alla decisione dello stop – aggiunge Palagi, visibilmente commosso – dopo avere valutato tutte le opzioni possibili: quella della sospensione momentanea ci è sembrata la più praticabile. Sì, la 72ª edizione della Viareggio Cup si farà. Ne sono convinto: il Cgc non si ferma». Al tempo stesso la società ha manifestato la solidarietà di tutto il consiglio direttivo «nei confronti del personale medico e sanitario che sta combattendo una dura battaglia per la salute di tutti i cittadini». Solidarietà e vicinanza è espressa anche nei confronti dei familiari delle vittime.

(Visitato 353 volte, 1 visite oggi)
TAG:
coronavirus Slider viareggio cup

ultimo aggiornamento: 06-03-2020


Coronavirus e udienze in tribunale, l’avvocato Cristiano Baroni: “Sarebbe opportuna la sospensione di ogni attività giudiziaria”

Coronavirus, 7 ordinanze del sindaco di Massarosa per misure di permanzenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva per altri sette soggetti