Successo delle ragazze del Versilia Pietrasanta Livorno (VPL) Team che conquistano la 29 edizione dell’importante Torneo di Natale di Rovereto. La squadra allenata da Emanuele Roni, impegnata nel campionato di Under 18 del girone Appennino Toscano, quest’anno porta a casa il posto più alto sul podio di una fra le competizioni di maggior prestigio a livello giovanile della pallavolo femminile italiana. Un torneo giocato in Trentino dal 27 al 29 dicembre, cui hanno partecipato 1200 atlete per 80 fra le migliori squadre del centro nord, sedici delle quali impegnate nella categoria Under 18.

“La soddisfazione è stata veramente grande, anche perché lo scopo principale con cui ci siamo iscritti era quello di creare l’amalgama in un gruppo che si allena insieme molto raramente, composto da atlete impegnate in quattro diversi campionati – commenta il coach Emanuele Roni, affiancato in panchina dal direttore tecnico Simone Giannini – Provare a vincerlo era solo un’idea. Di sicuro piazzarci fra le prime quattro, nella consapevolezza di avere un team all’altezza del livello”. Molte infatti le avversarie che nelle rispettive regioni affrontano campionati di serie D, C e addirittura B2, conferma di un livello di grande eccellenza. Ragione in più per essere orgogliosi di questo gruppo di versiliesi e livornesi composto da: Maria Benzio, Giorgia Bertellotti e Matilde Vianello (i tre palleggiatori), Carlotta Orsini, Silvia Giordano, Ambra Passerai e Giulia Bianchi (i quattro centrali), Veronica Lamperi, Emilia Boschi, Emma Giannini e Melissa Marku (gli attaccanti di banda), Gaia Tommasi e Chiara Formichi (gli attaccanti da opposto), Chiara Maggiani (il libero). Atlete che militano nel VP Volley (la società nata dalla fusione del Pietrasanta e del Versilia di Seravezza) e del Volley Livorno, che insieme hanno sfoderato passione e determinazione regalando alla Versilia un’importante vetrina. Spettacolare il coro che durante il tie break della finale si è alzato dal palazzetto di Rovereto a sostegno del team capitanato da Maria Benzio, giunto fin là dalla Versilia. Pressoché netto di vittorie il percorso che nei tre giorni le ha viste scontrarsi contro il Neugries Bolzano (gruppo impegnato in Alto Adige nella serie D), la Promoball Conad Brescia (in serie C in Lombardia, terza nel torneo), il Pontevecchio di Bologna, la grintosa New Volley Ranica di Bergamo che non a caso ha chiuso la tre giorni fra le prime quattro, la ben attrezzata sia fisicamente che tecnicamente SiamoVolley Mozzo di Bergamo, il trevisano Volley Codogné (unico match perso a qualificazione ormai avvenuta). “Altra nota di cui sono orgoglioso – aggiunge l’allenatore Roni – è il fatto di essere riuscito a far giocare almeno due partite a tutte le atlete, in vista della semifinale contro un agguerrito Promoball Brescia in cerca della rivincita”. Le ragazze versiliesi, con età dai diciassette ai quattordici anni, hanno infatti offerto un’ottima pallavolo anche il sabato mattina nella semifinale, per poi guadagnare il podio della finalissima affrontando la Fun Food di Piacenza con grinta e  sangue freddo di fronte ad un gremito palazzetto delle grandi occasioni. “Hanno sostenuto una partita di gran cuore, lottata con le unghie e con i denti contro una formazione figlia del consorzio fra due importanti realtà sportive emiliane – ha raccontato Emanuele Roni – allenata da Chiappafreddo, collega di esperienza ultra decennale in serie A1 e A2, in questo caso a guida di una squadra che fa la serie C con l’aggiunta di alcune giocatrici di B2, team molto preparato tatticamente e tecnicamente. È stata una battaglia contro cui potevamo già chiudere al secondo set, sfumato per un soffio, spingendoci ad affrontare il tie break, quindi una vittoria più sofferta e forse anche per questo ancora più bella”.

(Visitato 127 volte, 1 visite oggi)