<<Caro Ceragioli, forse non sai chi sono io>>. Così il candidato sindaco Alessandro Del Dotto (centrosinistra) risponde alla missiva ricevuta dall’altro candidato sindaco Francesco Ceragioli della lista “Costruiamo insieme il futuro”.

<<Sono contento – scrive Del Dotto – che tu mi abbia risposto e, dunque, sono certo che non avrai difficoltà a sottoscrivere le idee di quella carta dei valori, che si deve proporre non soltanto per i candidati al consiglio comunale bensì – come io ho chiesto a tutti gli altri candidati – per i candidati sindaco.

Tuttavia, credo sia importante che tu abbia davvero chiaro chi sono, da dove vengo e che cosa faccio: la politica è realismo, non supposizione.
Senza voler disconoscere il valore della tua esperienza, io non sono tipo da mettere piedi nelle orme di nessuno, nè di chi mi ha preceduto nel passato nè di chi vorrebbe farmi da “apripista” per il futuro: la mia esperienza è quella di un giovane entusiasta e appassionato, che ha voglia di mettersi in discussione e di confrontarsi con chi è pronto a rimboccarsi le maniche per garantire un futuro sereno alla nostra città.

Mantengo rispetto per la tua esperienza “negativa” – fatta, se non ricordo male, nell’UDC – ma, a differenza di te, io non mi sono arreso perchè non è nel mio DNA partire con una battaglia e abbandonare le armi: ho creduto e voluto fortemente che ci fosse un cambiamento nei partiti e un salto più avanti; ho messo il mio contributo insieme a quello di moltissime persone e sono orgoglioso di rappresentare una coalizione di partiti al servizio di chi vuole lavorare e migliorarsi.

Nessuno è perfetto, non abbiamo la presunzione di dire che solo noi facciamo bene: ci proponiamo di fare meglio ciò che altri hanno fatto e di fare ciò che altri non fanno.

Proprio da questa storia – fatta di sincerità, normalità e umanità – parte l’idea di una politica nuova, che prende le distanze da esperienze ormai vecchie cui la gente non crede. Ebbene, anche tu dovresti ricordarti che, nella vita, si possono anche fare errori, basta rimettersi in carreggiata, correggerli e ripartire. Non nego che nei partiti e nel passato certi modi di concepire la politica abbiano preso campo, ma – premesso che situazioni come quelle che si vedono in giro non hanno precedenti, per proporzioni e intensità, nella storia di Camaiore – da osservatore attento potrai notare che nella proposta di governo che faccio alla città non è compresa nè prevista la prosecuzione di alcuni vecchi rituali della politica; e con il centrosinistra, all’opposizione, potrai verificare che ogni giorno mettiamo in pratica quello che diciamo, per la trasparenza dell’amministrazione, l’accoglienza del cittadino, la soddisfazione dei veri e reali bisogni della città (e non della politica o dei potentati).

In questa direzione, del resto, mi batto e mi sono battuto nel Consiglio Comunale dove, ben prima di quanto ti vede protagonista, l’opposizione di centrosinistra ha pubblicamente denunziato le incompatibilità e i coacervi di incarichi. Se la memoria non mi tradisce, allora (siamo nel 2007/2008) non ricordo di aver sentito dire una parola, nemmeno un bisbiglio, contro lo strapotere e a protezione della trasparenza da parte di chi militava altrove; sono, però, felice che oggi tu ti smarchi dalle iniziali posizioni e tu condivida la necessità di abbandonare taluni schemi di vecchio vizio del politichese.
Dobbiamo avere tutti un’idea di politica non ricattabile e non asservita, nemmeno alle ambizioni personali. Sin dalle mie origini, mi è stato insegnato a tenere la schiena dritta e, oggi, mi trovo a lavorare in una coalizione che condivide l’idea di un confronto leale, paritario e non subalterno con chi ha ruoli o capacità di primo piano nel panorama economico e sociale del nostro Comune: è anche per questo che la mia campagna di raccolta fondi valuta con attenzione i sottoscrittori (ti anticipo che non abbiamo accettato contributi da chiunque), persone che aderiscono ad un progetto e che contribuiscono a realizzarlo per il bene della comunità e della gente.
Felice che tu condivida i valori della Carta di Identità del Sindaco di Camaiore, ti mando un caro saluto>>.

(Visitato 18 volte, 1 visite oggi)
TAG:
camaiore ceragioli del dotto elezioni pd trasparenza

ultimo aggiornamento: 11-01-2012


“Serve un progetto serio per i lavoratori del Principino”

BLITZ DEI LADRI, SVUOTATE 6 AUTO IN SOSTA