<<Quella che ha sposato con me il centrosinistra è la battaglia per la trasparenza>>. Così inizia la riflessione del candidato sindaco Alessandro Del Dotto sul rapporto fra pubblica amministrazione e attività economiche.

<<Quando parlo di un Comune come una “casa di vetro” parlo di una idea di amministrazione chiara, nella quale non vi sia da fare esercizi di indagine e dietrologie per motivare le scelte amministrative di pianificazione, programmazione e sviluppo. Questi tempi bui per la politica italiana: basta guardare il panorama nazionale dal quale strabordano giornalmente inchieste su appalti e “rigiri”>>.

Continua il candidato: <<A Camaiore c’è bisogno di trasparenza, di vedere e toccare con mano cosa accade nelle segrete stanze dei bottoni. Pensiamo a un rapporto con il mondo dell’imprenditoria e delle attività economiche che sia rispettoso dei reciproci ruoli. Non critichiamo gli imprenditori che, onestamente, cercano di guadagnare o che sanno i fare bene i loro affari: quelli fanno esattamente il loro lavoro; vogliamo, però, una Amministrazione Comunale tuteli con serietà e continuità il futuro della città, tenendo dritta la barra della tutela dell’interesse pubblico che appartiene a tutti. A questo criterio ci affideremo ogniqualvolta il Comune sia chiamato a lavorare, investire, progettare fianco a fianco con un titolare di attività economica. Insomma, l’amministrazione non si sostituirà all’imprenditore, ma nemmeno viceversa. Ognuno ha i propri ruoli e i propri compiti ed è da lì che si parte per dialogare e, ove necessario, costruire insieme un sistema virtuoso che porti ricchezza al territorio tutto. Ad esempio, se gli imprenditori hanno idee e progetti per la città, metteremo a disposizione anche le risorse umane dell’amministrazione per aiutarli a competere nell’assegnazione di fondi comunitari o regionali, con un ufficio comunale “fondi, finanziamenti e orientamento”>>.

Del Dotto pensa, poi, anche alla crisi economica <<L’Amministrazione, con questi lumi di luna, è una dei più importanti clienti delle imprese. Insomma, è creatrice di opportunità. A tutti coloro che hanno attività economiche, garantiremo trasparenza, parità di trattamento, parità di accesso alle opportunità e alle occasioni di lavoro. Si parte con un serio sistema degli albi e degli elenchi di imprenditori nei vari settori – forniture (dalla cancelleria alle lampadine, dalla cartaigienica alle targhe), servizi (dalla comunicazione all’immagine, dagli eventi agli eccezionali incarichi esterni) lavori (dalle manutenzioni alle potature, dalla pulizia dei sentieri alle asfaltature) -, il tutto garantendo la rotazione per tutti. Gli strumenti giuridici saranno quelli che la legge consente e che la situazione rende più convenienti e opportuni, senza pregiudiziale alcuna>>.

Sui pagamenti alle imprese, Del Dotto dice: <<C’è anche una direttiva europea sui pagamenti che dovranno essere fatti entro 60 giorni; noi, continuiamo ad avere un Comune che paga più di altri, ma che non garantisce a tutti gli imprenditori pari celerità di pagamento. Ci sono imprese che attendono da un anno. Da noi, gli impreditori riceveranno la garanzia di un pagamento regolamentato sin dagli inizi, con parità di trattamento per tutti”. Conclude Del Dotto “Per noi, l’impresa non è semplicemente una dispensatrice di sponsor su richiesta dell’amministrazione: è la garanzia che alla nostra gente sia dato un lavoro. Con noi gli imprenditori avranno il loro ruolo a fianco dell’amministrazione per garantire posti di lavoro, ricchezza e sviluppo, il tutto sempre con trasparenza, onestà e competenza>>.

(Visitato 13 volte, 1 visite oggi)
TAG:
amministrative 2012 camaiore del dotto elezioni pd

ultimo aggiornamento: 17-01-2012


MASSAROSA, IL RITORNO DI LARINI?

COASVER: SOLIDARIETA’ AI LAVORATORI PIOPPOGATTO