FORTE DEI MARMI. “Qualcuno spieghi a quella variopinta signora che sono un  gentiluomo: questo il motivo del mio silenzio”. Il sindaco Umberto Buratti ha qualcosa da dire alla candidata sindaco Maria Teresa Baldini del movimento Fuxia People. “La legge è uguale per tutti e se ritiene ingiusta la sanzione faccia ricorso, come fanno esattamente i cittadini. Lasci stare la libertà di opinione e soprattutto impari a rispettare la legalità, come si conviene a chi vuole fare il sindaco di un paese”. Buratti commenta l’intervento della polizia municipale in piazza Garibaldi relativo all’esposizione sul suolo pubblico di vessilli recanti la scritta Fuxia People.  “Era diretto, in un primo tempo, a valutare la regolarità di tale esposizione e solo dopo aver appurato la mancanza di qualsiasi titolo abilitativo, si è provveduto a contestare le violazioni del caso, come facciamo regolarmente su tutto il territorio comunale durante i controlli di routine. Con i verbali sono state accertate le violazioni commesse dalla signora Baldini all’art. 4 bis comma 1 e art. 20 comma 1 e 2 del Regolamento dell’imposta sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni (approvato con atto di consiglio n. 54 del 03.06.1997) poiché non era stata fatta alcuna comunicazione alla Giunta Comunale come richiesto dall’art. 4 bis per le forme di pubblicità in esso non espressamente contemplate”. Il primo cittadino rincara la dose. “E poi a chi interessano le sue opinioni? La Dottoressa Baldini, che sempre ci ricorda di essere medico, deve ritenere che la cura per i mali del mondo siano le sue incomprensibili rime, che hanno persino la pretesa di far ridere. Si ride si, ma non per le rime. Se scegliessimo la modalità volgare ed allusiva che la dottoressa predilige nella comunicazione, avremmo un ampio successo di pubblico: in ciò, fra l’altro, l’essere fortemarmini aiuta”.

(Visitato 150 volte, 1 visite oggi)
TAG:
fuxia people maria teresa baldini umberto buratti

ultimo aggiornamento: 27-01-2012


AMPLIAMENTO PALAZZETTO DELLO SPORT

EMERGENZA CRIMINE, PARLAMENTARI PD DAL MINISTRO