VIAREGGIO. La Crea rischia di essere ridimensionata. In particolare per quanto riguarda i centri diurni per disabili. Per questo, ieri sera, quaranta frequentatori e 13 operatori delle strutture del “Capannone” del “Giocaraggio” hanno protestato, durante il consiglio comunale.

L’Azienda sanitaria della Versilia, alle prese con i conti da far quadrare, ha dato una scadenza precisa al Comune: entro il 2 marzo vanno pagati i 370mila euro di arretrati del 2011 per la gestione dei due centri diurni . Che sono gestiti dalla Asl  ma finanziati dal Comune. L’amministrazione in carica, hanno chiesto i lavoratori della Crea, «è in grado di saldare il debito con la Asl? Ed in caso di risposta negativa, che cosa accadrà? Dovremo tenere chiuse le strutture e rimandare gli utenti alle famiglie di provenienza?».

(Visitato 32 volte, 1 visite oggi)
TAG:
centro diurno crea viareggio

ultimo aggiornamento: 28-02-2012


BALNEARI, L’UE CHIUDE LA PROCEDURA D’INFRAZIONE CONTRO L’ITALIA

FURTO ALLA BOUTIQUE DI CAVALLI, 70 MILA EURO IL BOTTINO