BENVENUTI SUL PONTILE DEI DIVIETI - Politica Versiliatoday.it

BENVENUTI SUL PONTILE DEI DIVIETI

(foto Simona Tedesco)
(foto Simona Tedesco)

CAMAIORE. “Il pontile del Lido è un concentrato intollerante di divieti : dalle biciclette anche portate a mano al divieto di pesca, al divieto ai pattinatori, al divieto di accesso ai cani”.

Lo scrive Antonio Vanni, dell’Italia dei Valori. “Abbiamo assistito tutti – aggiunge  – alle discussioni vivaci per il rispetto di questo ultimo divieto, ed è davvero un divieto indisponente, che proibisce l’ingresso sul pontile ai cani, e quindi anche ai loro padroni che li tengono al guinzaglio. Discussioni che terminano nel migliore dei modi con accuse di ottusità che non aiutano il relax di una bella giornata di sole come quella che è capitata di ascoltare a me stamani giorno di Pasquetta sul pontile”.

“Certamente questo non può essere usato a pretesto perché i cani sporcano o la pavimentazione del pontile è fragile e non è adatto ad una facile pulizia. Sicuramente sarebbe stato meglio – aggiunge Vanni  – se ci fosse stata una maggiore consapevolezza sulla scelta del materiale di pavimentazione, che attualmente è soggetto a continue manutenzioni a causa delle frequenti rotture.  Tuttavia basterebbe un controllo efficace sulla eventuale pulizia e su coloro che non la eseguono ed a un distributore di sacchetti all’inizio del pontile, per rendere il Lido di Camaiore più accogliente con un ritorno di immagine che solo i miopi non possono vedere”.

“Proibire una passeggiata sul pontile con il proprio cane – dice Antonio Vanni – è un aspetto che contrasta con la accoglienza tanto sbandierata da questa amministrazione verso i turisti e verso tutti coloro che vogliono passare una giornata in tranquillità. Al di là della mancanza di una sensibilità verso gli animali, si crea sicuramente anche un danno economico perché si sottovaluta il fatto che che i proprietari di cani vanno nei ristoranti, nei bar, nei negozi e se non trovano un ambiente rispettoso per loro e per i loro animali non possiamo pensare che lo privilegino come posto da frequentare per loro stessi e da consigliare agli altri”.

(Visitato 206 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 09-04-2012 15:28