VIAREGGIO. Obiettivo primario: ribassare la tariffa della Tia, la tassa per lo smaltimento dei rifiuti. “I tecnici comunali – spiega il sindaco Luca Lunardini – hanno elaborato una ipotesi di costo del servizio di smaltimento per il 2012. Secondo questa bozza, che sarà presentata al Cav (il Consorzio Ambiente Versilia, che riunisce i Comuni del nostro comprensorio), il costo si fermerebbe intorno a 115 euro a tonnellata, rispetto alla quota di 182 euro richiesti da Tev-Veolia. Questa stima, se accettata, consentirebbe una riduzione delle spese di circa il 30 per cento”. Lunardini precisa: “Con questo risultato si avrebbe un significativo taglio della Tia, magari non pari al al 30 per cento, a causa della presenza di costi pregressi relativi al recente passato, ma ci sarebbero comunque effetti benefici di alleggerimento della tariffa”.

Altra condizione da soddisfare per ottenere questo risultato è il contenimento, oltre che dei citati costi di smaltimento, anche dei costi legati alla raccolta rifiuti. La società Sea ha infatti ipotizzato un aumento del proprio piano finanziario, legato agli indici Istat e ad alcuni servizi aggiuntivi, di 1,2 milioni di euro per il 2012. “Il nostro intento – aggiunge il sindaco – è di elaborare con Sea un percorso per mantenere inalterati i costi del 2011”.

L’obiettivo principale dunque è ottenere un costo intorno a 115 euro a tonnellata per lo smaltimento, evitando che la valutazione suddetta sia considerata da Tev e da un eventuale giudice una mera iniziativa di autoriduzione come più volte accaduto in passato, cosa questa che potrebbe sfociare in una futura sconfitta legale. “In tal senso – prosegue Lunardini – c’è la necessità che l’iniziativa nei confronti del gestore debba essere preceduta, da parte di Cav, da un’azione legale che contesti al gestore stesso l’inadempienza contrattuale rispetto all’articolo 12 del contratto Daviddi. Questo sia in riferimento alla nota chiusura di Falascaia che in risposta alla assurda diffida che Tev-Veolia hanno inviato ai Comuni versiliesi la settimana scorsa. Nell’ultima assemblea di Cav – riferisce il sindaco – questo indirizzo è stato accolto nelle sue linee generali e non dubito che il Consorzio saprà e vorrà rapidamente e con determinazione perseguire questa azione senza ulteriori indugi evitando che i singoli Comuni, la città di Viareggio compresa, si vedano costretti ad attivare procedimenti autonomi per salvaguardare i propri equilibri economici e in ultima analisi le tasche dei cittadini. Queste posizioni sono state illustrate nella Commissione consiliare Ambiente e territorio tenutasi mercoledì mattina. Purtroppo solo informalmente, perché parte dell’opposizione non ha voluto parteciparvi, adducendo motivi formali. Ho chiesto e condiviso con il presidente della Commissione Alessandro Bolognesi – conclude Lunardini – che la Commissione venga riconvocata appena possibile, anche in vista della auspicata stesura di un ordine del giorno unico che il Consiglio comunale possa votare per sostenere l’amministrazione in questa iniziativa”.

(Visitato 23 volte, 1 visite oggi)

ISOLA DEL GIGLIO, UN CONVEGNO SUL DISASTRO DELLA COSTA CONCORDIA

OLTRE 130 ESEMPLARI DI CONIGLIO IN MOSTRA