TEATRO PIENO PER NICHI VENDOLA. DEL DOTTO: “È ORA DI UNA NUOVA STAGIONE”

 (foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

CAMAIORE. Il teatro dell’Olivo pieno in ogni ordine di posti per ascoltare lui, il leader politico atteso per stamani a Camaiore. E lui, Nichi Vedola, leader di Sinistra Ecologia e Libertà e presidente della Regione Puglia, non ha deluso le aspettative. Ma, nel suo discorso che è passato dalle origini del berlusconismo alla speranza offerta dal candidato sindaco del centrosinistra Alessandro Del Dotto per Camaiore, ha infiammato le coscienze e scaldato i presenti.

Vendola, sul palco, ha parlato per oltre mezzora di tutti gli aspetti della crisi del Paese, dalla questione morale, alla disoccupazione. “I nostri figli e nipoti – ha detto, parlando dei giovani – sono una generazione di vuoti a perdere, con un futuro incerto e fatto solo di precarietà”.

C’è bisogno, ha rimarcato il leader di Sel, di ricostruire una nuova società sulle macerie di quel che resta.

(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

“Bisogna fare come Enea – ha detto – ossia guardare avanti, al futuro, con speranza, portando sulle nostre spalle, come Enea, i nostri padri e nonni, perché senza la loro esperienza, senza sapere chi siamo e da dove veniamo, non si va da nessuna parte”.

(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

Vendola ha definito un “regime pornografico-commerciale” il governo Berlusconi, ma non ha risparmiato critiche anche nei confronti del governo Monti.

Grande spazio del suo discorso poi l’ha riservato alle ‘minoranze’: bambini, anziani, donne, portatori di handicap. “Una società che non pensa a loro è una società già morta”.

Vendola – in un tripudio di applausi – ha poi concluso il suo intervento parlando dell’importanza della cooperazione, con una citazione di una antica preghiera pugliese: “Si dice che gli uomini siano angeli nati con un’ala soltanto. C’è bisogno che si abbraccino, perché possano imparare a volare”.

(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

Grande interesse anche per il discorso del candidato sindaco Del Dotto, preceduto dalla presentazione dei candidati di Sel al consiglio comunale. Il turismo, la cultura, la bellezza del territorio, la fine delle opere faraoniche, la trasparenza della macchina amministrativa e la partecipazione dei cittadini alla vita del Comune gli argomenti trattati. “Una nuova stagione sta arrivando – ha concluso Alessandro Del Dotto – con persone che fanno politica per passione, non per interesse”.

 

Aggiornato il: 22-04-2012 15:04