MASSAROSA. Mettere a norma alcuni dei plessi scolastici comunali sulla base delle priorità individuate di concerto con il personale didattico e con l’ufficio tecnico. Questo quello che è stato previsto nel progetto di messa a norma delle scuole approvato nell’ultima seduta di Giunta comunale.

 “Duecentomila euro – spiega l’assessore ai lavori pubblici Stefano Natali- che saranno destinati ad interventi sulla scuola materna di Pieve a Elici, sulla scuola elementare di Stiava e sull’asilo nido di Massarosa. La parte iniziale di un intervento globale sulle scuole per il quale sono stati stanziati circa unmilione e centomila euro.

“La scuola dell’infanzia di Pieve a Elici è quella che ha bisogno degli interventi maggiori che riguardano le strutture: fondazioni, muri portanti, solai, risanamento strutture in cemento armato, oltre ad interventi di manutenzione quali tinteggiature e sistemazioni esterne. Nella scuola elementare di Stiava è prevista la bonifica di una porzione di copertura in cemento amianto e, contestualmente, la nuova impermeabilizzazione di tale copertura e isolamento del solaio di sottotetto oltre a qualche intervento minore quale il risanamento di alcune piccole lesioni che interessano solamente l’intonaco. Infine, nell’ asilo nido di Massarosa sono previsti piccoli interventi quali lo spostamento dei fasciatoi in tre bagni con il conseguente spostamento dei lavandini, oltre a piccole sistemazioni esterne. Interventi significativi che- conclude Natali – contribuiranno a rendere maggiormente sicure e fruibili le nostre scuole e che si inseriscono in un contesto globale di messa a norma degli edifici scolastiche già iniziato e il cui proseguimento è scaglionato anche negli anni a venire”.

(Visitato 23 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Comune lavori massarosa messa in sicurezza natali pieve a elici scuola stiava

ultimo aggiornamento: 14-06-2012


CAMAIORE, GLI EVENTI NON SONO IN DUBBIO. PIERUCCI CONFERMA I PROBLEMI DI BILANCIO

EMERGENZA ACQUA, GAIA: “I NOSTRI TECNICI HANNO RISOLTO IL PROBLEMA IMMEDIATAMENTE”