Photo www.nuotopiu.it

VIAREGGIO. Dimitri Ricci, del Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago, interviene sul già discusso tema dello sport a Viareggio.

“Prima di iniziare a parlare di sport a Viareggio e relative problematiche, mi sorge una domanda fondamentale su cui eventualmente si può affrontare qualsiasi argomentazione, ed è questa: che importanza vogliamo dare allo sport all’interno della nostra città? Se la risposta come si vorrebbe è dare allo sport il valore che merita allora debbo dire che qui a Viareggio ormai siamo fermi da troppo tempo.

Se facessimo una foto del 1975, noteremmo che bene o male le strutture sportive sono le stesse di quel tempo; se facessi un paragone con le manifestazioni sportive degli anni passati, adesso ne conterei molto meno. Cosa è successo? Dov’è finita la Viareggio sportiva che attraverso manifestazioni internazionali era di esempio ed invidiata da tutte le altre città  italiane.

Meeting internazionale d’atletica, triathlon, Coppa Carnevale emigrata altrove, e forse anche il meeting internazionale di nuoto. Questi sono solo alcuni esempi di ciò che si è perso per strada e certamente non solo per motivi economici.

Ma anche lo sport di base, quello che praticano tutti per il semplice benessere,ovvero il correre nelle pinete che ormai sono giungle alla mercè di tutti; si ha paura a fare un po’ di footing all’interno delle pinete e non ci sono punti di ritrovo organizzati e sicuri dove poter fare movimento ed esercizio fisico in tranquillità.

Se analizziamo poi le problematiche relative all’organizzazioni delle attività sportive delle associazioni sportive, ci rendiamo conto che diventa sempre più difficile fare sport in maniera adeguata.

Penso che a questo punto sia  quindi necessario dare  l’importanza che merita a questo valore e veicolo sociale che rappresenta l’attività fisica, realizzando progetti di ripristino strutturale di gran parte delle strutture sportive ormai obsolete, partendo con piccoli passi, ma che siano reali e non utopistici (mi ricordo ancora il progetto della piscina da 50 mt del senatore Barsacchi del 1975).

Abbiamo 2 splendide pinete che se fossero organizzate con i “percorsi salute” e fossero dotate di appositi spazi per ragazzi per giocare attraverso il movimento, potrebbero essere un grosso serbatoio per chi vuole fare sport.

Lottiamo per garantire la possibilità di  far fare sport a tutti e per tutti. Iniziamo a dare segnali positivi in questo senso, ricreando una mentalità sportiva a Viareggio, quella mentalità  ed impegno che si ormai perso in questi ultimi anni”.

 

(Visitato 28 volte, 1 visite oggi)

ACCORDO TRA IL VIAREGGIO E LA BANCA DI SAN MINIATO. DINELLI: “È UNA COLLABORAZIONE CHE COINVOLGE GIOVANI E FAMIGLIE”

VIAREGGIO, DINELLI E MOSCARDINI SALGONO A MILANO PER AGGIUNGERE ALMENO TRE GIOCATORI ALLA ROSA