CAMAIORE. Torna la Fiera d’Ognissanti. La storica mostra-mercato che dal 1.400 viene ospitata a Camaiore, con animali e attrezzature agricole in primo piano, avrà alcune novità per questa edizione: le gare western con i vitellini, e uno spazio speciale dedicato a cani e bambini.

In attesa della Fiera (1-2 novembre) domenica 21 ottobre, alle 10, si terranno esibizioni e gare con i cavalli, grazie alla ormai consolidata collaborazione con l’associazione Il Cavallo e Noi. Mercoledì 31 ottobre invece inaugurazione, al chiostro della Badia, della mostra del fungo (32esima edizione).

Il via alla fiera vera e propria sarà dato alle 9 del mattino del 1 novembre: oltre 400 bancarelle, divisi per settore merceologico, con alimentari, giocattoli, ferramenta, casalinghi, legno e opere dell’artigianato e dell’ingegno.

La gara western si terrò il 1 novembre, nell’area equestre allestita alla Badia. La festa prosegue anche il 3 e 4 ottobre. Sabato 3, ad esempio, ci sarà un incontro speciale con i cani dell’associazione Vega Soccorso: unità cinofile, esperti che spiegano il comportamento dei cani, il corretto rapporto con gli animali. E per i bambini la possibilità di poter stare in compagnia con questi cani addestrati al soccorso.

Come al solito sono attese migliaia di persone in centro a Camaiore. E come al solito tutta la viabilità del centro (compresa viale Oberdan) sarà chiusa. Per chi viene in auto ci sono le aree di sosta organizzate dal comando di polizia municipale, davanti l’Incaba, e da lì un servizio gratuito di bus-navetta. Per garantire la sicurezza sulle strade e tra i pedoni, l’intero corpo della municipale sarà al lavoro. “Un avvertimento particolare alla cittadinanza – dice Carlo Palmerini, comandante Pm – perché durante la fiera si moltiplicano gli episodi di borseggio. Tenete i portafogli nella tasca anteriore”.

(Visitato 136 volte, 1 visite oggi)
TAG:
animali camaiore cavalli fiera ogni santi ognissanti sagra

ultimo aggiornamento: 20-10-2012


AL VIA L’OTTOBRE DELLE BIBLIOTECHE TOSCANE

“VIAREGGIO CHIEDE SICUREZZA” AL QUESTORE DI LUCCA CRACOVIA