FORTE DEI MARMI. L’impero romano si presentava come un’entità forte e invincibile, eppure finì per crollare malamente. Anche il Circolo Aniene, squadra di tennis della capitale iscritta al campionato maschile di serie A1, sembrava un avversario imbattibile per il Tennis Italia Rupes di Forte dei Marmi. E invece, i versiliesi, finiscono per sovvertire ogni pronostico e battono 4-2 la squadra dei vari Bolelli e Starace nel quarto turno del campionato, al termine di una straordinaria giornata di sport baciata dal sole.

L’equilibrio regna sovrano. La prima delle quattro sfide dei singoli sembra di buon auspicio per la squadra del patron Sergio Marrai: l’uomo di punta Filippo Volandri supera Flavio Cipolla vincendo 6-0 il primo set e, addirittura, 7-6 il secondo. “Qui Filippo ha dimostrato di essere davvero un professionista”, commenterà Marrai più tardi. “Perché nel secondo set stava vincendo 3-0 e poi si è fatto raggiungere fino ad andare al tie-break. È stato grandissimo.”

Per i capitolini, allora, arriva il momento di giocarsi le carte migliori. Che hanno il volto degli azzurri Potito Starace e, soprattutto, Simone Bolelli, numero 84 nel ranking Atp. Il primo supera Matteo Marrai al termine di un match estenuante (7-6 4-6 6-3) in cui il versiliese è comunque bravo a tenere testa al più quotato avversario, il secondo si sbarazza di Walter Trusendi con un sofferto 7-5 seguito poi da un comodo 6-1. Ma il Tennis Italia Rupes non molla. E chiude la serie di singoli sul 2-2 grazie al successo in scioltezza di Daniele Giorgini su Matteo Berrettini (6-2 6-1).

Doppia insidia. La sfida, dunque, si decide con i due doppi. Un folto pubblico – circa 400 spettatori – popola le tribunette dei campi in terra battuta dell’impianto fortemarmino. Qualcuno si gode la netta vittoria della coppia versiliese Marrai-Trusendi su Berrettini-Filippucci, un 6-2 6-1 che lascia poco spazio alle repliche. Ma le attenzioni sono tutte sul campo immediatamente accanto, dove sono presenti pure le telecamere di Sky e anche un tifoso d’eccezione come l’ex calciatore Stefano Bettarini.

Da una parte ci sono Giorgini e Volandri, dall’altra Bolelli e Starace. Che è come dire che il doppio di punta del Tennis Italia Rupes sfida la coppia della nazionale italiana di Coppa Davis. Sembra assai improbabile mettere a segno l’impresa. Ma i due tennisti del team fortemarmino tirano fuori il cuore e, dopo l’equilibrio iniziale, prendono il sopravvento chiudendo il primo set sul 6-3.

Trionfo fortemarmino. Sospinti dal tifo incessante di un gruppo di ragazzi muniti di bandiere e tamburi, Volandri e Giorgini si aggiudicano subito tre giochi nel secondo set e arrivano a un passo dal successo (5-2). Nel game decisivo sono a un passo dal concedere ai quotati avversari di rosicchiare un altro punto e portarsi sul 5-4, ma è proprio nel momento più difficile che trovano la forza di reagire. Volandri induce Bolelli all’errore su un acceso batti e ribatti: la pallina gonfia la rete. È il punto decisivo. Starace va al servizio, poi alcuni scambi e, infine, Bolelli non trova la linea bianca su una bella sventagliata: Andrea Parenti, capitano del Tennis Italia, scatta subito ad abbracciare i suoi ragazzi. È fatta.

Una schiera di giovanissimi invade il campo, mentre giocatori e staff tecnico si abbracciano. E i piccoli sostenitori fortemarmino cantano a squarciagola: “Noi vogliamo il tricolor”. L’imminente trasferta a Roma in casa del Tennis Club Parioli dirà se lo scudetto può essere più di un sogno proibito.

Ascolta l’intervista al capitano non giocatore Andrea Parenti
Ascolta l’intervista a Filippo Volandri

@GorskiPark

(Visitato 252 volte, 1 visite oggi)

NUOTO, A VIAREGGIO UN’EDIZIONE IN TONO MINORE DEL MEETING “MUSSI-LOMBARDI-FEMIANO”

BASKET, ALTRO SUCCESSO PER IL VERSILIA: STAVOLTA A CADERE È L’AUDAX CARRARA