CARNEVALE, ALLA COPPIA BORRI-POLITI BOCCIATA ANCHE L'OPERA SOSTITUTIVA - Carnevale di Viareggio, Top news Versiliatoday.it

CARNEVALE, ALLA COPPIA BORRI-POLITI BOCCIATA ANCHE L’OPERA SOSTITUTIVA

VIAREGGIO. Lo scorso marzo, quando arrivò a un passo dalla vittoria in prima categoria e scongiurò la retrocessione tra i carri piccoli, la coppia di costruttori composta da Priscilla Borri e Simone Politi probabilmente non immaginava cosa sarebbe successo nei mesi seguenti. La bocciatura del bozzetto del loro carro “Bell’Italia” già di per sé era una bella mazzata, ma non era tutto: la commissione di valutazione, infatti, ha dato parere negativo anche al progetto di opera sostitutiva presentato lo scorso lunedì 12 novembre dai due carristi.

Borri e Politi, che non si erano mostrati particolarmente propensi a realizzare qualcosa di alternativo – e con un budget minore del 25% – al carro di prima categoria, hanno così avanzato la loro proposta di opera sostitutiva. Ovvero un pesce spada in vetroresina, lungo dieci metri, magari da collocare al Mercato Ittico. Ma, anche questa volta, l’esito non è stato quello sperato.

L’ingegnere Alessandro Volpe, uno dei componenti della commissione, giustifica così la scelta: “L’opera sostitutiva di Borri e Politi non ha nulla di allegorico e, soprattutto, rappresenta un pesce che non è tipico di queste zone”, dice. “Mancano, insomma, i riferimenti al Carnevale ma anche alla città di Viareggio.

“Un altro aspetto è poi quello economico: l’opera sostitutiva di un carro di prima categoria dovrebbe costare il 25% in meno rispetto al carro stesso, in questo caso circa 100mila euro (per la precisione sarebbero 91mila, ndr). Questo pesce spada ne vale un quinto.

“Non dimentichiamoci poi le difficoltà legate alla sistemazione dell’opera: non possiamo metterla dove ci pare, prima è necessario il parere della Soprintendenza.”

Come già avvenuto per i bozzetti dei carri e delle mascherate in concorso, a dare il via libera definitivo sarà il consiglio d’amministrazione della Fondazione Carnevale. E la data di convocazione, al momento, è ancora ignota. “Ma il vero problema non è quando si riunirà il cda”, commenta Alessandro Santini, presidente della Fondazione stessa.

Difficile dargli torto: bocciato il carro – e alcune carte presentate nella relazione tecnica sembrano dare ragione alla commissione: ci sono riferimenti alla costruzione dello scorso anno -, bocciata l’opera sostitutiva, quale futuro si profila per i vicecampioni in carica della prima categoria?

@GorskiPark

(Visitato 118 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 14-11-2012 14:00