MASSAROSA. Nel salone della neonata Concessionaria multimarche Motorcity di Via Montramito, si è tenuta una delle cene onviviali più importanti dell’anno per il gruppo Rotaract Viareggio Versilia. La presenza complessiva di più di 75 persone del Gruppo Tirreno, tra cui spiccavano numerosi membri del gruppo Massa e Carrara, Lucca e Livorno oltre alle principali autorità Rotariane e Rotaractiane, ha ampiamente reso merito al principale ospite della serata, il dottor Claudio Costa, il quale ha tenuto banco insieme all’amico e giornalista Luca Delli Carri con la presentazione del suo nuovo libro, “La vittoria di Marco”, interamente dedicato alla recente scomparsa di Marco Simoncelli.

La serata si è aperta, dopo il sempre emozionante Inno alle Bandiere Rotaract e il brillante discorso introduttivo del presidente Rotaract Viareggio Versilia Alessandro Amadei, con un energico video di Alex Zanardi, il celebre ex campione Formula 1 e adesso campione paraolimpico in handbike, prima paziente e successivamente amico del dott. Costa. Il neolaureato vincitore alle Paraolimpiadi di Londra 2012 ha ringraziato il gruppo Rotaract e soprattutto il proprio mentore con grande vivacità, impressionando l’intero salone che in religioso silenzio ascoltava l’amore per la vita di quest’uomo che ha lottato strenuamente contro la morte e ha saputo trovare uno slancio nuovo dopo l’ amputazione in seguito all’incidente del 2001.

Ancora oggi Alex afferma che quel giorno, che per ogni altro essere umano sarebbe equivalso ad una disgrazia trascinante nella disperazione, “fece la mia fortuna”, e lo fece grazie al dott. Costa, che con la sua cinquantennale perizia ortopedica lo aiutato a reimparare a deambulare e con il suo spirito dottrinale gli ha insegnato a prendersi gioco del suo problema, a denigrarlo fino quasi a trattarlo alla stregua di un simpatico compagno di viaggi con cui scherzare. Questo gioco Alex lo ha imparato benissimo e gli ha permesso di sfondare con allegria anche in televisione, entrando nel cuore di tutti gli italiani.

Dopo un’ottima cena a base di piatti della terra versiliese e il discorso preliminare di Delli Carri, è il dott. Costa stesso a prendere la parola. E, da innamorato dell’antichità e della mitologia quale è, ha rivestito i panni del rapsodo omerico, decantando le lodi di quegli eroi moderni che sono i campioni dello sport, i quali hanno dismesso le armi per imbracciare un volante o un manubrio, ma che, ora come un tempo, fanno innamorare le folle con le loro imprese. E soprattutto pregano gli dèi affinché elargiscano loro gloria e vita, una vita che spenderebbero sempre per far sognare, mai per deludere. Così il Dott. Costa appare ora come un padre divino premuroso, un novello Zeus che invita i suoi figli alla gara ma li mette in guardia contro gli eccessi di velocità e assicura loro protezione e cure. E se Marco Pantani, celebrato con un intenso video delle sue scalate montane , fu per anni una macchia nel cuore del dottore che infine scrisse e pubblicò una lettera di scuse alla madre (a simbolo che anche i geni come gli dèi possono sbagliare), non fu così per Marco Simoncelli, alla famiglia del quale il dottore è tuttora molto vicino e che

Un’intensa serata Rotaract che i presenti ricorderanno per molto tempo.

(Visitato 161 volte, 1 visite oggi)
TAG:
costa montramito rotaract rotary simoncelli versilia viareggio

ultimo aggiornamento: 04-12-2012


LE OFFERTE DI LAVORO DELLA SETTIMANA

CELEBRAZIONI PER SANTA BARBARA ALLA CAPITANERIA DI PORTO