VIAREGGIO, LA PROTESTA DI UN COMMERCIANTE: "E IO PAGO..."

VIAREGGIO, LA PROTESTA DI UN COMMERCIANTE: “E IO PAGO…”

(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

VIAREGGIO. Troppe spese, ingiustificate anche. Protesta un commerciante della Passeggiata di Viareggio per il servizio dell’illuminazione natalizia sul lungomare, pagata con i contributi (e non pochi) degli stessi commercianti viareggini.

“Volevo segnalare – scrive Andrea Becagli – che con la mia attività ho dovuto versare un contributo centoottanta euro per la ‘splendida’ illuminazione della Passeggiata per le feste di Natale.

“

A parte il fatto che qualsiasi Comune normale dovrebbe essere in grado di mettere un’illuminazione natalizia, mentre la nostra non riesce a garantire servizi, pulizia, decoro, sicurezza, svolgimento feste tradizionali, raccolta differenziata, assistenza sociale.

“
Provate a moltiplicare 180 euro per tutte le attività che hanno pagato, e proviamo ad immaginare cos’abbiano fatto ancora una volta con i nostri soldi. 

E questo è poco. 

Proviamo ad immaginare – aggiunge – cos’abbiano fatto con la tassa di soggiorno che regolarmente versiamo nelle casse del Comune. 

Proviamo ad immaginare cos’abbiano fatto con l’introito della tassa dell’imu. E poi non hanno i soldi per mettere quattro luci sbiadite in passeggiata? 



“Totò diceva: “ma mi facciano il piacere…….E Io pago….”

(Visitato 32 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 09-01-2013 12:00