VIAREGGIO. Dalla cronaca alla storia, gli ultimi giorni di vita di Craxi, interpretati dal grande Alessandro Haber, saranno in scena lunedì 21 gennaio, alle 21.15 al Teatro Politeama,  nello spettacolo “Una notte in Tunisia” di Vitaliano Trevisan, metafora del potere e della sua caduta.

Una notte in Tunisia si potrebbe definire un classico contemporaneo, dove Vitaliano Trevisan, una delle penne più autorevoli della drammaturgia italiana, racconta gli ultimi giorni di vita di X, un uomo dal forte carisma, il cui destino è segnato dalla sua natura, dalla sua incapacità di fingersi quello che non è. Andrée Shammah, che firma la regia dello spettacolo,  offre una lettura del testo che sposta lo sguardo dalla cronaca degli ultimi giorni di vita di Craxi (X è il nome con il quale il personaggio è indicato nel testo) per alzarlo più in alto e trasformarlo in metafora del potere e della sua caduta.

Promosso e organizzato grazie alla collaborazione tra la Fondazione La Versiliana e il Comune di Viareggio lo spettacolo, tra i più applauditi dal pubblico e dalla critica, ha per protagonista un Alessandro Haber in stato di grazia che dà fisicità ad un personaggio di Thomas Bernhard “con la sua voracità, il suo talento, la sua energia sempre pronta ad esplodere”. Il Signor X di Haber è immerso in un corpo a corpo con la parola scritta alla quale non vuole rinunciare e che ha bisogno di verificare con se stesso e con tutti quelli che ha intorno, primo fra tutti il fedele e indispensabile Cecchin, portiere d’albergo, che dà ritmo allo spettacolo e muove con leggerezza la scena e le azioni dei personaggi: il fratello preda di contraddizioni e paure e la moglie che cerca inutilmente di convincerlo a partire. L’ennesima prova che il teatro ha la forza di volare oltre il presente e diventare metafora della vita. Lo spettacolo, una produzione del Teatro Franco Parenti, vede al fianco di Alessandro Haber, Maria Ariis, Pietro Micci e Roberto Trifirò, con la collaborazione di Barbara Petrecca per le scene e i costumi, Gigi Saccomandi per le luci, Yuval Avital per la scenografia sonora di “Mise en abime” sperimentazione sonora realizzata da RAI-Direzione Strategie Tecnologiche con il CRIT di Torino e il CPTV di Milano.

Prezzi: Platea 24,00 (ridotto 21,00);  Galleria 18,00 (ridotto 16,00).

 

(Visitato 202 volte, 1 visite oggi)

A VALDICASTELLO BENEDIZIONE DEGLI ANIMALI

ULTIMO APPUNTAMENTO CON LE DOMENICHE A TEATRO