(foto Noli)FORTE. L’Alimac Forte dei Marmi prende posizione relativamente al Daspo scattato nei confronti di quattro tifosi rossoblu. E lo fa attraverso un comunicato stampa.

“Non è mai facile per una società sportiva intervenire e commentare fatti non certo positivi che riguardano parte della tifoseria che la sostiene, tuttavia si ritiene che, ora più che mai, sia necessario farlo, visti gli articoli allarmistici e i servizi inesatti apparsi in questi giorni sui media locali, che non rispecchiano ne i fatti reali e soprattutto, dipingono come violenta una tifoseria che non lo è.

I provvedimenti sono stati presi nei confronti di quattro tifosi fortemarmini, per due diversi e distinti episodi e su questi la società rossoblu intende confrontarsi, sia con i propri sostenitori che con i vertici del Commissariato di Forte dei Marmi e della Questura di Lucca, al fine di valutare se i provvedimenti presi non siano da ritenersi eccessivi e frutto di un reale malinteso, anche se va ribadito e condiviso il segnale lanciato dalle stesse Forze dell’Ordine, che con questi provvedimenti vogliono stoppare sul nascere un eventuale inasprimento dei toni e dei comportamenti dei tifosi stessi.

In particolare la società Alimac Forte smentisce che i provvedimenti comminati ai propri sostenitori siano il frutto di gesti violenti nei confronti di tifoserie avversarie, niente di tutto questo è mai avvenuto e chi lo ha riportato ha commesso un grossolano errore, augurandoci che si sia trattato di mera superficialità e non di caccia al facile, ma falso, sensazionalismo.

Nei primi due casi, il provvedimento è stato preso perché un tifoso locale, all’interno della stessa tifoseria, ha tutelato un disabile in maniera forse un po’ troppo energica, per altro un episodio spiacevole ma nato e finito li. Negli altri due casi, benché da biasimare, non si è mai andati alle vie di fatto ma ci si è limitati alle offese verbali tra tifoserie, eccessive, ma sicuramente più plateali che effettive, e per altro reciproche.

Episodi, perché tali sono, e di poca rilevanza, che però amplificati in maniera eccessiva dalla stampa locale, oggi rischiano di tacciare come violento il tifo rossoblu, cosa che non è.

Nei prossimi giorni, unitamente al GSO, che in questo frangente può dirsi portavoce della stessa tifoseria, cercheremo di avviare un dialogo aperto e collaborativo con i vertici del Commissariato, un dialogo che sia volto a far rivalutare in maniera positiva i provvedimenti presi, ma anche finalizzato ad evitare il ripetersi di ulteriori episodi spiacevoli che potrebbero generare altri spiacevoli provvedimenti. Tutto nella speranza di stemperare il disagio che si è purtroppo creato nella maggioranza dei nostri sostenitori e riporti al PalaForte quel clima di serenità e aggregazione che ha caratterizzato le ultime stagioni”.

(Visitato 24 volte, 1 visite oggi)
TAG:
alimac Forte dei Marmi hockey società

ultimo aggiornamento: 19-01-2013


MILLE ATLETI A TORRE DEL LAGO PER LA PUCCINI MARATHON 2013

QUI PRATO, ESPOSITO TEME IL VIAREGGIO: “SQUADRA CHE SA SOFFRIRE E RIMANERE IN GARA ANCHE NEI MOMENTI DIFFICILI”