(foto Francesco Ceragioli)
(foto Francesco Ceragioli)

CAMAIORE. La lista civica “Costruiamo insieme il Futuro” lancia un grido d’allarme per i beni storici ed il patrimonio culturale del  Comune di Camaiore “che stà andando – scrive Francesco Ceragioli – verso un degrado inarrestabile”.

Le foto che Ceragioli ci invia mostra che quel che dice è fondato. “Occorre che l’amministrazione – scrive – provveda immediatamente a mettere in sicurezza ed argini il degrado che stà subendo il patrimonio culturale ed artistico del nostro Comune”.

La priorità è a Capezzano. “Si dovrebbe cominciare – scrive l’ex candidato sindaco – dal sito archeologico dell’Acquarella, dalle mura medievali castellane, alla torre civica, alla chiesa di S. Martino del Monastero di Gello al Museo Archeologico di Camaiore chiuso ormai da circa 10 anni”.

Stare fermi non si può. “Non si può assistere inermi – aggiunge l’esponete di Costruiamo insieme il Futuro –  a questo degrado che avanza senza fare niente, anche in qualità di membro di tante associazioni di volontariato, vedi Gruppo Archeologico, Campallorzo Vo.Ca., Comitato per il restauro della Chiesa di Gello e tante altre, in passato come nel presente sempre pronte a collaborare per frenare questo degrado. Cittadini rimbocchiamoci le maniche e salviamo il nostro patrimonio culturale, che se valorizzato porterà benefici anche turistici”.

(Visitato 200 volte, 1 visite oggi)

IL MURAGLIONE ALLA BIENNALE DI BRESCIA. GIACOMO MOZZI PROTAGONISTA CON LA SUA FOTOGRAFIA

PARCHEGGIO, FRATI. UDC: “NOI CHIEDIAMO AIUTI PER I COMMERCIANTI, IL COMUNE RISPONDE CON LA FORZA PUBBLICA”