CAMAIORE. “Siamo impegnati nella riforma delle regole relative all’affidamento e alla gestione degli impianti sportivi – dichiara il sindaco di Camaiore Alessandro Del Dotto – e non è un lavoro semplice: fatto un bilancio di questa esperienza, intendiamo apportare le modifiche necessarie, per esempio, a garantire un sistema di controlli più chiaro ed efficace. Fermo restando che è intenzione di questa amministrazione continuare a offrire spazi e strutture per le attività sportive, purché siano pienamente rispettate le regole che le leggi e i regolamenti specificano. Colgo l’occasione – aggiunge il primo cittadino – per sottolineare l’importanza del lavoro svolto dai consiglieri comunali di maggioranza e dagli assessori Leo e Cortopassi, sia nel gestire situazioni critiche come quella del Secco National sia, soprattutto, nel ristrutturare l’impianto di norme che sono alla base della concesisone dei campi e degli impianti. Le verifiche e i controlli, finalmente da eseguire, saranno il primo passo per mettere ‘al pulito’ la situazione attuale, compresa la posizione del National. Sosterremo sempre il mondo dello sport che, nel rispetto delle regole che la nostra comunità si è data, lavora con l’amministrazione alla crescita del capitale umano”.

Sull’argomento hanno lavorato intensamente le Commissioni consiliari permanenti che si occupano di Sport e di Regolamenti, con i presidenti Anna Graziani e Francesco Santini, i quali fin dall’inizio si sono impegnati nel cercare una soluzione anche al problema posto dal Secco National.

“L’Amministrazione si è mossa da subito, tanto è vero che quella riguardante la situazione del Secco National è stata una delle prime questioni sportive che abbiamo affrontato – spiega l’assessora allo sport Veronica Cortopassi – E anche una delle ultime, a testimonianza dell’impegno costante che abbiamo dimostrato con l’Ufficio sport e l’assessore ai lavori pubblici Simone Leo. Le nostre richieste sono state indirizzate alla proprietà del campo delle

(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

Bocchette per poter prolungare il contratto alla società sportiva, e più volte abbiamo incontrato il National stesso per trovare soluzioni condivise. È chiaro che dovremo verificare che sussistano tutti i requisiti stabiliti nel regolamento perché una realtà sportiva possa vedersi assegnataria di impianti sportivi – specifica l’assessora – Insomma, abbiamo cercato in tutti i modi di venire incontro al National nei modi più corretti e costruttivi. È anche grazie alla nostra mediazione se la convenzione per l’utilizzo delle strutture alle Bocchette, che sarebbe scaduta nel 2012, è stata prolungata al 30 giugno di quest’anno, cioè fino alla fine del campionato”.

(Visitato 90 volte, 1 visite oggi)
TAG:
calcio camaiore campo Comune lido national

ultimo aggiornamento: 13-04-2013


LODI TROPPO FORTE PER L’ALIMAC: IL QUARTO POSTO RIMANE UN MIRAGGIO

IL MOVIMENTO CINQUE STELLE RACCOGLIE IDEE A CAMAIORE