VIAREGGIO. “Vivere Viareggio ha deciso di non partecipare alle prossime elezioni amministrative dopo aver inutilmente tentato di creare un blocco unitario di liste civiche. Hanno prevalso i singoli egoismi dei vari candidati ansiosi solo di affermarsi personalmente.” Lo si legge in un comunicato inviato dalla stessa lista civica che nel 2003 e nel 2008 indicò come candidato sindaco Alberto Benincasa, in seguito divenuto assessore alle attività portuali e vicesindaco della giunta Lunardini.

“Tutto questo darà luogo ad una inutile frammentazione di voti mentre la città è sull’orlo del baratro finanziario ed in preda ad una crisi socio-economica senza precedenti. In questa situazione appare immorale la scelta di tanti candidati che fanno a gara a proporre opere faraoniche, a promettere cose impossibili, a prendere in giro i cittadini.

“Chi ha scelto di correre da solo per soddisfare la propria vanità si sta assumendo una responsabilità gravissima : riconsegnare quasi sicuramente Viareggio proprio a coloro, a destra ed a sinistra, che l’hanno distrutta in questi ultimi venti anni. Questa era l’occasione giusta per sbaragliare la vecchia politica locale portando al governo persone libere e desiderose solo di fare il bene della città in cui vivono.

“Non siamo riusciti a convincere il Movimento 5 Stelle né le altre liste a fare fronte comune contro i trasversali interessi di Pd e Pdl le cui liste sono dense di vecchi personaggi e finti nuovi che sono espressione dei soliti potentati locali. Sarebbe poco rispettoso nei confronti degli elettori aggiungere un’altra lista a tutte quelle, assurdamente troppe, che saranno in campo.

“Desideriamo ringraziare tutti i cittadini che in questi anni hanno creduto nella nostra onestà e ci hanno incitato ad andare avanti senza sovvenzioni,senza potenti alle spalle,senza aiuti di alcun genere. Continueremo a far sentire la nostra voce.

“Per ora, auguri alla nostra città.”

(Visitato 15 volte, 1 visite oggi)

SEL PRESENTA I SUOI CANDIDATI A VIAREGGIO: “UNA SCELTA DI SINISTRA PER USCIRE DALLA CRISI”

PAOLO SPADACCINI: “TERRA, ACQUA ED ENERGIA PULITA PER L’AGRICOLTURA”