IL PUNTO DELLA SITUAZIONE ALLA CAPITANERIA DI PORTO SULLE ACQUE VERSILIESI - Comune Viareggio Versiliatoday.it

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE ALLA CAPITANERIA DI PORTO SULLE ACQUE VERSILIESI

VIAREGGIO. Nuovo incontro presso la Capitaneria di Porto di Viareggio sul delicato tema della situazione dei bacini idrici e delle acque di balneazione della Versilia.

Sono stati i rappresentanti di Assindustria e Turismo di Lucca, Associazione Balneari, Unione Proprietari Bagni e Federalberghi della Versilia, a chiedere un aggiornamento sulle attività in corso nell’ambito del tavolo tecnico permanente voluto ormai da un anno dalla Prefettura di Lucca con il coordinamento operativo della Guardia Costiera Viareggina.

Gli intervenuti hanno rimarcato l’importanza dell’attività fino ad oggi posta in essere, la quale ha accresciuto la sensibilità dell’utenza e della collettività verso queste tematiche, mostrando compiacimento per la creazione di uno strumento permanente così allargato, diretto da S.E il Prefetto, in grado di fornire, come già fornito, concreti risultati.

Gli operatori turistico-balneari hanno tuttavia manifestato le loro preoccupazioni per i nuovi recenti episodi di non idoneità delle acque di balneazione verificatisi alle Foci dei Fossi Fiumetto e Motrone – peraltro positivamente risolti nel giro di poche ore – con la speranza di evitare, per quanto possibile e con la collaborazione di tutti gli interlocutori, il ripetersi di simili fenomeni.

Il Comandante della Capitaneria di Porto Pasquale Vitiello ha fornito rassicurazioni al proposito, evidenziando alcuni degli importanti risultati ottenuti dal piano di monitoraggio delle acque versiliesi con sbocco al mare che vede, per la prima volta, operare congiuntamente e con il medesimo obiettivo della tutela ambientale e della salubrità delle acque, tante Istituzioni: sotto l’egida della Prefettura di Lucca, ricordiamo  la Provincia di Lucca, varie Amministrazioni Comunali (ad oggi Pietrasanta, Forte dei Marmi, Viareggio e Camaiore), i Comandi locali della Polizia Municipale, la Guardia Costiera, il Corpo Forestale dello Stato, Arpat, il Consorzio di bonifica, l’Ente Parco Versilia-Massaciuccoli e Gaia Spa.

La sinergia tra Enti ha permesso in diverse occasioni l’immediata ed efficace adozione delle procedure operative tese ad eliminare le criticità riscontrate nel corso dei tanti sopralluoghi congiunti, via via estesi anche nell’entroterra; a questo proposito, per il futuro, saranno coinvolti anche alcuni Comuni non costieri.

Come risultato concreto, l’Assessore all’Ambiente Italo Viti, anch’egli presente alla riunione odierna in rappresentanza della Amministrazione Civica di Pietrasanta che nel giugno dello scorso anno richiese alla Prefettura l’istituzione del tavolo tecnico, ha evidenziato le positive recenti analisi di laboratorio relative al Fosso Motrone, con valori di riferimento che hanno raggiunto i loro minimi storici a testimonianza bella bontà del percorso condiviso intrapreso.

Naturalmente, anche in virtù dell’avvicinarsi della stagione estiva, i controlli proseguiranno, intensificandosi in quelle aree già attenzionate dove sussitono ancora periodiche criticità soprattutto in caso di abbondanti precipitazioni atmosferiche: come già avvenuto, laddove individuate responsabilità specifiche, si darà corso agli opportuni provvedimenti repressivi e di polizia giudiziaria.

Nel corso dei futuri accertamenti saranno tenuti in debita considerazione anche gli spunti interessanti emersi dall’incontro di oggi con gli operatori del settore turistico-balneare, peraltro prontamente riferiti alla Prefettura di Lucca.

La stessa Prefettura, infatti, convocherà nelle prossime settimane un nuovo tavolo tecnico, allo scopo di conoscere dai Comuni interessati lo stato di attuazione degli iter amministrativi e degli interventi strutturali pianificati, individuando al contempo i passi successivi.

Aggiornato il: 31-05-2013 19:30