VIAREGGIO. Anche quest’anno l’estate al Centro Visite del Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli di Villa Borbone a Viareggio si preannuncia speciale, infatti, come lo scorso anno, dal 10 giugno al 26 luglio si susseguiranno le “Settimane Verdi 2013”, un’occasione per i più giovani per divertirsi ed imparare stando a stretto contatto con la natura della Macchia Lucchese.

Dal lunedì al venerdì i bambini, seguiti da biologi e guide ambientali escursionistiche di Legambiente Versilia, potranno partecipare a giornate di orienteering, ad escursioni nel bosco alla ricerca delle tracce degli animali, a laboratori di riciclaggio, di riuso e tante altre attività all’aria aperta.

Cinque delle sette Settimane Verdi sono dedicate a bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni e due settimane di luglio sono state dedicate a ragazzi più grandi con un’età compresa tra gli 11 e i 14 anni. Tutti i campi estivi saranno attivati al raggiungimento di un numero minimo di 8 bambini con un numero massimo di partecipanti a settimana di 18 bambini.

L’orario giornaliero va dalle 8:00 alle 12:30 per chi vuole fermarsi solo la mattina ma può essere prolungato fino alle 15:30 per chi vuole rimanere anche nel primo pomeriggio. Il pasto, per chi farà l’orario continuato, sarà fornito dalla ASP ed è compreso nella quota di partecipazione settimanale che ammonta ad € 75,00 per la mattina e ad € 100,00 per la mattina ed il pomeriggio.

Ricordiamo che la partecipazione alle settimane verdi, per motivi assicurativi, è riservata solo ai soci Legambiente, per chi non fosse già iscritto il costo della tessera junior è di € 10,00 e va sommato alla quota settimanale.

Per ricevere maggiori informazioni sui costi e le promozioni o per prenotare è possibile scrivere una e-mail a: [email protected]; oppure telefonare ai seguenti numeri: 0584383726 (Centro Visite) o 3899231999 (Legambiente Versilia).

(Visitato 104 volte, 1 visite oggi)

CIMA SULL’AREA DEL TRIANGOLINO: “NO ALLA VENDITA DELLA MADONNINA”

SVILUPPO, LA VERSILIA UNITA: “ORA SERVONO FONDI DA FIRENZE E BRUXELLES”