VALDAGNO. Il Valdagno ha stravinto gara 3 e si è preso con merito lo scudetto, il secondo consecutivo. Il Cgc ha alzato definitivamente bandiera bianca, cedendo 9-4 al PalaLido in un match dove il divario tra le due squadre è stato netto. Un avvio fulminante, quello dei veneti, che dopo aver subito l’illusoria rimonta dei bianconeri, nella ripresa hanno straripato, col povero Barozzi inerme di fronte alle folate di Nicolia e compagni.

Il Centro ha fatto il massimo, anche stasera, ma non è riuscito ad evitare una sconfitta che nelle proporzioni è devastante. Certo, se incassi due gol nei primi tre minuti – diagonale di Nicolia e tiro sotto misura di Rigo dopo un fortunoso rimpallo – rimontare diventa difficile. Difficilissimo.

Sergio Silva fa tris a metà primo tempo. Poi, ecco la reazione d’orgoglio del Centro: capitan Orlandi sigla una doppietta nel giro di un paio di minuti. E tutto sembra di nuovo in discussione. Sembra, ma non è così. A due secondi dalla fine, infatti, Cocco sigla la rete che porta il Valdagno avanti 4-2 all’intervallo.

I bianconeri ci credono anche ad inizio ripresa, si fanno ancora sotto con Garcia, che sfrutta al meglio un assist di Alessandro Bertolucci. Ma a quel punto la luce si spegne. Ed il Centro entra in un tunnel senza uscita. Il Valdagno va a segno altre cinque volte con Nicoletti, Nicolia (due volte), ancora Sergio Silva e Randon. Inutile soffermarsi troppo su come sono arrivati tutti questi gol. C’è solo da aggiungere un altro sigillo di Orlandi, il terzo personale, che fissa il punteggio sul 9-4.

Il Valdagno ha vinto lo scudetto con merito. Al Cgc resta la soddisfazione di essersi laureato vice campione d’Italia per il secondo anno consecutivo. Se poi si vuole vedere il bicchiere mezzo pieno, allora è logico parlare di delusione, ma non certo di fallimento.

(Visitato 41 volte, 1 visite oggi)

NASCE SPORT U VERSILIA, LA NUOVA RIVISTA DEDICATA A BENESSERE E ALIMENTAZIONE

AZIENDE CERCANO BARMAN, TOUR OPERATOR E INSEGNANTI: LE OFFERTE DI LAVORO