GENOVA. La Procura di Genova ha chiesto l’archiviazione per Riccardo Antonini, il ferroviere viareggino indagato dopo le presunte ingiurie nei confronti dell’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, del 9 settembre 2011 al Porto Antico di Genova in occasione della festa del Pd dove era previsto un dibattito sull’alta velocità.

In quell’occasione vi era stata una protesta pacifica dei familiari delle vittime del disastro ferroviario alla stazione di Viareggio del 29 giugno 2009 che provocò 32 vittime alla quale si era aggiunta la contestazione contro Moretti da parte di un gruppo di no tav. Gli organizzatori avevano ritenuto di sospendere il dibattito e Moretti, tra fischi e insulti, era stato costretto a lasciare il Porto Antico scortato dalle forze dell’ordine.

Antonini, che è anche consulente a titolo gratuito per alcuni familiari delle vittime della strage di Viareggio, aveva negato di aver ingiuriato Moretti e aveva sostenuto di avergli solo chiesto i motivi per i quali era stato precedentemente sospeso. In seguito fu licenziato. Il licenziamento è stato confermato il 4 giugno scorso dal giudice del lavoro di Lucca. Nell’inchiesta genovese, oltre ad Antonini, sono indagate altre 24 persone con le ipotesi di reato di ingiurie e violenza privata in concorso. (ANSA)

(Visitato 17 volte, 1 visite oggi)

IL LAVORO DELLA GIUNTA BETTI INIZIA… CON UNA VACANZA

RIFIUTI, L’OSPEDALE PAGHERÀ IL MASSIMO DELLA TARIFFA. PIERUCCI: “PRENDETELA COME UNA PROVOCAZIONE”