Don Bruno frediani e la Ficaia
(foto VersiliaToday)

MASSAROSA. Condanna confermata anche in cassazione (5 mesi e 10 giorni di reclusione, con i benefici di legge) per don Bruno Frediani, 63 anni, responsabile del Ceis. I fatti risalgono a luglio 2008, quando il  piccolo Zobar Velcu di 2 anni e mezzo annegò nella piscina dell’azienda agricola La Ficaia (a Massarosa).  I giudici della Suprema Corte hanno confermato la sentenza della Corte d’Appello di Firenze: la condanna per il sacerdote è di omicidio colposo, oltre al pagamento in favore delle parti civili  di 20mila euro a ciascuno dei genitori a titolo di risarcimento.

(Visitato 170 volte, 1 visite oggi)
TAG:
ceis don bruno ficaia frediano massarosa morte omicidio colposo piscina sentenza

ultimo aggiornamento: 23-06-2013


FELICEMENTE: TUTTI PAZZI PER IL CALCIO!

È MORTO ENRICO BERTUCCELLI. LUTTO NEL MONDO DEL TURISMO