FORTE DEI MARMI. Due location, il MUG-Museo Ugo Guidi (in via M. Civitali 33) e il Logos Hotel (in via Mazzini 153); due tematiche, i “cavalieri” (metafora dei valori da recuperare) e le “figure femminili” (simbolo dell’essere donna nel mondo attuale); un’unica mostra per un solo artista, in un luogo unico: la personale “Passe-partout italiano” di Antonio Giovanni Mellone, a Forte dei Marmi, dal 13 al 29 luglio.

Anche l’inaugurazione della stessa si fa in due: sabato 13 luglio, alle ore 18.30, è previsto un primo incontro dell’artista con il pubblico presso il MUG dove sono ospitati alcuni cavalieri, tra cui quelli “poveri” in carta e la sontuosa tela con acrilici “Il Re Pescatore”.

A seguire, la presentazione della mostra, che è a cura della critica Stefania Provinciali, avverrà presso il Logos Hotel, che accoglie tele e disegni di Mellone dedicati alle “dame””, come “Il pianoforte rosso”, “Desiderio d’amore”, “Donne con gatto” e “Le grandi bagnanti”.

L’esposizione “Passe-partout italiano” rimarrà aperta al pubblico fino a lunedì 29 luglio, con orario di visita al MUG dalle ore 18.00 alle 20.00 (o su appuntamento al 348/3020538 o [email protected]) e al Logos Hotel dalle ore 10.00 alle 23.00. Inoltre un’opera di Mellone, durante il periodo della personale, sarà presente, insieme a materiale dedicato, nel “MUG space” alla famosa Capannina di Franceschi, durante “l’aperitivo culturale”, dalle ore 18.30 alle 21.00.

L’espressionismo moderno, realizzato nelle tele con colori acrilici, secondo la tecnica del pennello a secco, e su carta, soprattutto con collage acquerellati, è l’attuale approdo artistico di Mellone, già grafico/illustratore del quotidiano Il Giorno, con all’attivo numerose mostre e molti premi.

Su “Passe-partout italiano” e il suo autore, così si esprime Stefania Provinciali: «Donne e cavalieri, temi che possono apparire distanti. In realtà è l’approccio alle tematiche della vita che unisce in un unico percorso, reale ed ideale, le opere – tecniche miste e disegni – di Antonio Giovanni Mellone, visibili al Museo Ugo Guidi, al Logos Hotel e alla Capannina di Franceschi, a Forte dei Marmi. Cavalieri che raccolgono le tensioni del mondo e ne combattono il male affondando le loro armi nei colori, blu, gialli, rossi permeati di materia e di speranze, nell’impari lotta. Ma basta un volto, un sorriso, una traccia grafica a distogliere ogni sguardo, ad invitare il cavaliere, un don Chisciotte dei giorni nostri, al riposo. La dama è là che lo aspetta, anch’ella intrisa di colore, primitiva, pittorica illusione di un sorso di felicità».

In un continuo con la precedente personale dell’artista, “A midsummer (K)night’s dream”, ovvero “Sogno di un cavaliere di mezza estate”, che si è tenuta a Parma, a Palazzo Giordani, sede della Provincia, tra dicembre e gennaio scorsi, anche per la mostra a Forte dei Marmi, la critica ribadisce che: «Padrone del segno grafico, pittore dai connotati figurativi, Mellone ha proseguito sulla via di una tecnica non solo illustrativa, anche se l’illustrazione che propone nelle carte, mantiene intatto il suo fascino».

Nel calendario della personale, che si svolge sotto l’insegna del movimento non profit Identità Immutate®, creato dai Mellone nel 2002 per volere della Provincia di Massa-Carrara a favore dei piccoli territori italiani custodi di eccellenze, è in programma un appuntamento culturale: presso il Logos Hotel, sabato 20 luglio, alle ore 21.30, verrà presentata la collana di volumi “Borghi paesi e valli delle Alpi Apuane. Origini e storia tra la valle del Magra e la valle del Serchio”, a cura dell’autore Pietro Marchini.

 

(Visitato 25 volte, 1 visite oggi)

“SONATA DI MARE”: ‘VOCE DI VENTO’ CON L’ENSEMBLE DI BARGA JAZZ SUL PALCO DI MASSAROSA JAZZ FEST

ALLA CROCE VERDE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MILZIADE CAPRILI