VERSILIA. “Si allunga la lista delle infezioni post operatorie nel territorio dell’Asl 12. Agli almeno 10 casi di sepsi registrati negli ultimi due anni, di cui uno fatale, si aggiunge la morte del 28enne viareggino ricoverato dopo un incidente il 14 giugno al Versilia e deceduto un mese dopo a causa di un’infezione contratta in degenza”. È quanto afferma il consigliere regionale di Più Toscana e membro della IV commissione “Sanità”, Gian Luca Lazzeri, che fa il punto sulle infezioni nosocomiali registrate nell’azienda sanitaria viareggina.

“Si tratta di un fenomeno – spiega – che ogni anno riguarda fino a 700mila pazienti in tutta Italia, nell’1% dei casi con esito mortale come nel caso, secondo quanto apprendiamo dagli organi di stampa, del giovane viareggino. Le principali infezioni contratte sono quelle delle vie urinarie (26,9%), respiratorie (24,4%), infezioni batteriche o sepsi (17,8%) e infezioni delle ferita chirurgica (16,6%). A questi dati purtroppo si devono aggiungere quelli non dichiarate dalle strutture sanitarie che fanno sorgere un problema di trasparenza.

Come quello delle Asl toscane, inclusa quella viareggina, dove non esistono strumenti statistici ufficiali per quantificare l’entità di questa piaga. Questo vuoto normativo – continua – deve essere colmato dalla Giunta a livello regionale visto che adesso le possibilità dei cittadini di essere informati e nel caso scegliere dove operarsi conoscendo nel dettaglio quali siano le strutture dove si sono registrati maggiori casi di infezioni, sono pari a zero.

Per il momento gli unici dati disponibili sono quelli sintetici offerti dal report di valutazione della performance degli ospedali toscani che vede l’Asl 12 ai primi posti nella classifica negativa della sepsi post-operatoria per chirurgia programmata. Anche perché le morti su cui si allunga l’ombra dell’infezione post-operatoria negli ultimi 30 giorni sono state almeno tre. Oltre al caso di Viareggio, il 25 giugno è toccato all’ospedale di Lucca dove si è registrata la morte di un paziente in seguito a un operazione nel reparto di urologia, mentre a inizio luglio una paziente è deceduta all’ospedale di Pisa in seguito alle complicazioni derivate da un intervento chirurgico alla schiena eseguito in una clinica di Arezzo”.

(Visitato 71 volte, 1 visite oggi)
TAG:
gian luca lazzeri ospedale più toscana Salute sanità versilia

ultimo aggiornamento: 15-07-2013


VIAREGGIO, L’APPELLO DEL SINDACO: “PULIAMO INSIEME LA CITTÀ”

BALNEARI, SCALETTI: “SULLA FACILE RIMOZIONE ABBIAMO PRESO UN CHIARO IMPEGNO”