CAMAIORE. Lascia tutti i ruoli che lo vedevano protagonista in diverse associazione di volontariato. Francesco Ceragioli si dimette, in chiara polemica col sindaco di Camaiore Alessandro Del Dotto e la sua amministrazione. “Avete fatto tante promesse, non ne avete mantenuta una”, accusa. Ceragioli scrive così una lunga lettera indirizzata al primo cittadino e alla stampa, che pubblichiamo integrale.

“Egr. Sig. Sindaco Alessandro Del Dotto La ringrazio pubblicamente per le promesse non mantenute e le risposte non date alle mie lettere a Lei indirizzate. Le ricordo che si era impegnato, a seguito della Vostra richiesta di mantenere aperto gratuitamente il parco della Rimembranza per tre mesi, a fare un bando pubblico aperto a tutte le associazioni e di modificare l’articolo 6 del regolamento per l’istituzione delle associazioni, aggiungendo l’obbligatorietà della presentazione del rendiconto economico (Bilancio Consuntivo) per tutte quelle associazioni che nell’anno solare precedente, hanno percepito qualsiasi somma a qualsiasi titolo dal Comune, a difesa della trasparenza e della legalità. A distanza di un anno nulla è stato fatto. Purtroppo a malincuore constato che Lei ha una cattiva abitudine cioè quella di promettere e non mantenere le promesse fatte nonostante che Lei nel suo programma dica testualmente : “ Noi non ci stiamo a prendere in giro i cittadini, specie in un momento dove è preciso dovere di chi governa dire le cose come stanno e aprire gli occhi alla gente su cosa si può fare e cosa non si può fare… un punto fermo: una classe di amministratori pulita, capace e trasparente”.

“Queste sono alcune delle priorità che aveva promesso di realizzare nei primi 300 giorni:, Realizzazione della pista ciclabile Lido- Camaiore,  Realizzazione della rotatoria al bivio tra via Italica e via Provinciale,  Messa in sicurezza della via Sarzanese a Capezzano (limitazione della velocità, attraversamenti pedonali, percorsi protetti per pedoni e bici),  Completamento e apertura del cinema Comunale a Camaiore,  più almeno 5 interventi di messa in sicurezza della viabilità collinare”.

“Vorrà convenire con me che trascorsi oltre 400 giorni non ha realizzato niente di ciò che aveva promesso e sinceramente la gran parte dei cittadini che l’hanno votato dovranno attendere diversi anni prima di veder realizzato quello che Lei aveva promesso di realizzare in 300 giorni. Altri annunci di soluzioni ai diversi problemi aveva indicato al suo insediamento in primis l’annosa questione dell’ordine pubblico nel parcheggio dell’ospedale Versilia, che a distanza di oltre un anno rimane irrisolto. La mia lettera pubblica vuol essere una provocazione a questo suo comportamento annunciando per quanto sopra le mie dimissioni dai ruoli nel Volontariato che sto portando avanti a fatica da una vita, perché io non ci sto a farmi prendere in giro. Io una riflessione al suo posto l’avrei già fatta perché in coerenza alle sue dichiarazioni di sentirsi amministratore capace e trasparente, e non aver realizzato quasi niente di ciò che aveva dichiarato di fare, avrei già rassegnato le dimissioni da Sindaco per manifesta incapacità a mantenere le promesse fatte alle migliaia di cittadini Camaioresi. Spero che questo mio gesto di togliere risorse al volontariato la faccia riflettere sul suo comportamento per il bene della città e dei cittadini che amministra”.

(Visitato 28 volte, 1 visite oggi)
TAG:
accuse associazioni camaiore del dotto francesco ceragioli Volontariato

ultimo aggiornamento: 22-07-2013


Centinaia di persone in piazza a ballare al ritmo degli anni ’70

Mostra Italia-Francia, l’artista Delenseigne resta fuori: “Ostacolato in tutti i modi”