dal nostro inviato

CREMONA. Ha resistito un tempo, poi, nella ripresa, è crollato sotto i colpi della Cremonese. Ma a questo Viareggio, onestamente, non si poteva chiedere di più. Preparazione cominciata in ritardo, gambe pesanti per i duri carichi di lavoro ed un avversario troppo più forte. Meglio andarci piano con i giudizi negativi, dunque.

La Cremonese vince 3-0, realizzando le reti del successo nel secondo tempo. Nel primo crea tanto, ma non finalizza. Vuoi per sfortuna – Carlini colpisce il palo con un piatto destro dopo un’uscita a vuoto di Gazzoli – vuoi per i meriti dello stesso portiere bianconero, vuoi per la troppa imprecisione.

Sussulti, assalti, ma niente gol. Il Viareggio, dal canto suo, si difende come può, con apparente ordine, per poi provare a ripartire in velocità, con Benedetti nell’inedito ruolo di esterno destro e col giovane Cinquini a supporto di De Vena, assieme a Calamai. E sulla corsia mancina il debuttante Falasco si fa apprezzare.

Nella ripresa, però, la benzina finisce. E la Cremonese ne approfitta. Anche se il gol che sblocca la gara nasce da un regalo delle zebre, che da un angolo a favore si fanno infilare in contropiede, con Loviso che prende in controtempo Gazzoli. Passa qualche minuto ed i grigiorossi raddoppiano con un siluro mancino di Visconti sul quale il portiere ospite non può nulla.

La partita prende un indirizzo chiaro. Il Viareggio non ha più la forza necessaria per ripartire e rendersi pericoloso: De Vena là davanti è troppo solo, la squadra accusa la fatica e non lo supporta a dovere. Ed anche sugli esterni, quando la Cremonese attacca, sono dolori. Come al 22′, quando dalla destra arriva il cross che Carlini spedisce in rete, di testa.

Il punteggio non cambia più perché Gazzoli respinge tutto ciò che gli capita a tiro ed anche perché Benedetti colpisce il palo a pochi minuti dalla fine, senza vedere così premiata una bella ripartenza.

Come da pronostico, la Cremonese fa sua la partita e si prende il lusso di andare a sfidare il Palermo al “Barbera” domenica prossima. Questo Viareggio ha fatto il massimo, ma servono ancora diversi acquisti per vedere una squadra diversa. E più competitiva.

CREMONESE-VIAREGGIO 3-0

CREMONESE (4-3-3): Bremec; Sales, Giorgi, Caracciolo, Visconti; Casoli, Martina Rini (38′ st Baiocco), Loviso, Palermo; Casoli (20′ st Caridi), Abbruscato, Carlini (23′ st Francoise). (Galli, Marongiu, Avogadri, Sambugaro). All. Torrente.

VIAREGGIO (3-4-2-1): Gazzoli; Lamorte, Pizza, Conson; Benedetti (42′ st Fabiani), Gemignani, Gerevini (38′ st Maggi), Falasco; Calamai, Cinquini (12′ st Ferrari); De Vena. (Furlan, Adami, Galerotti, Mancini). All. Miggiano.

Arbitro: Albertini di Ascoli Piceno (Guglielmi di Albano Laziale e Donvito di Monza).

Reti: 2′ st Loviso, 8′ st Visconti, 22′ st Carlini.

Note: 1134 spettatori per un incasso di 6381 euro. Ammoniti Cinquini, Gemignani (Viareggio). Angoli 9-4. Recuperi 0′ pt, 3′ st.

Gabriele Noli

(Visitato 35 volte, 1 visite oggi)