PIETRASANTA. “Mi sento tutto, fuorché vecchio”. Giorgio Albertazzi, ha festeggiato così, in scena, sul palco della Versiliana a Marina di Pietrasanta, il suo novantesimo compleanno. Un compleanno sul palco, per presentare “Io ho quel che ho donato”, lo spettacolo-omaggio a Gabriele D’Annunzio di cui Albertazzi è anche autore e regista. “La vera morte – ha detto Albertazzi rivolgendosi al pubblico – è nella mancanza di sentimento. E spesso ci sono persone che sono già morte, mentre vivono”.

Albertazzi ha voluto dedicare lo spettacolo a sua nonna Leonida, morta a 101 anni. Ed ha voluto ringraziare, tra le tante persone che oggi gli hanno inviato gli auguri, “il mio amico Zeffirelli, che mi ha inviato una mail che mi ha toccato il cuore”. Poi i ricordi, tra cui quello del Teatro La Pergola: “A quei tempi la chiave del camerino numero uno veniva data solo ai grandi attori. E la prima a prendere quella chiave – ha concluso Albertazzi tra gli applausi del pubblico – fu la grande Anna Proclamer”. Grandi applausi durante lo spettacolo, specie quando Albertazzi ha recitato, proprio lì dove fu composta, la celebre La Pioggia Nel Pineto di Gabriele D’Annunzio.

A fare festa per i suoi 90 anni attori e registi nelle prime file ad assistere allo spettacolo: tra loro Maurizio Scaparro, Carlo Giuffrè, Sebastiano Lo Monaco, Mariangela D’Abraccio, Laura Marinari e Carla Fracci, che proprio ieri compiva 77 anni. Tra il pubblico anche il sindaco di Pietrasanta Domenico Lombardi, i vertici della Fondazione La Versiliana (Dianora Poletti, Luca Lazzareschi e Manrico Niccolai) e il presidente della banca Versilia Lunigiana e Garfagnana Umberto Guidugli.

(Visitato 111 volte, 1 visite oggi)

La foto del giorno

Boomart 2013, ultimi giorni per le selezioni