VIAREGGIO. “Se non ci avessero oramai e in così poco tempo abituati al vuoto pneumatico di questa giunta, ci sarebbe da rimanere allibiti dell’ultimo grave errore del Sindaco Betti, dell’assessore Augier e della loro giunta di dare il via libera a Kebab, sale slot e sexi shop in centro”. Lo scrive il capogruppo Pdl a Viareggio Antonio Cima.

“Questo – avverte Cima –  è quello che potrà accadere dopo che la giunta Betti ha annullato la delibera della precedente Amministrazione di centro-destra che ne ostacolava la realizzazione. Una linea di indirizzo concordata con tutte le associazioni di categoria e che era da tutti considerata utile ed opportuna. E con quale assurda motivazione è stato ridato il via a questi esercizi? Perchè “non si prevede in tempi brevi l’approvazione del piano delle funzioni per il commercio”! Un nuovo regolamento che era stato concordato, condiviso, realizzato assieme alle categorie di commercio. Un piano che era pronto e che solo l’arrivo del commissario, guarda caso voluto da Betti e Co, ha impedito di essere definitivamente approvato”.

Per Cima il lavoro fatto non andava buttato via. “Il lavoro era valido e praticamente completato, ma si sa Re-tentenna non poteva certo assumersi la responsabilità (e quando mai se ne è assunta una ) di farlo approvare. E così tutto rinviato a data da destinarsi. Come al solito questo in barba ancora a tutte le promesse e le vuote parole di Betti in campagna elettorale. “Sosterremo il commercio!” diceva e lo ha talmento strombazzato da aver perfino favorito durante le elezioni una pseudo-lista di appoggio (da cui tra l’altro ha attinto, su libera indicazione della Regione, un assessore indicato da ben 28 voti su 70.000 viareggini, guarda caso credo l’assessore Augier ) che doveva rappresentare proprio quelle categorie che oggi ha disinvoltamente “fregato”. Bastava concludere un lavoro già fatto, già ben fatto, e avremmo avuto per la nostra città un valido equilibrio finalmente raggiunto. E invece no. Pur di non decidere tutto si annulla. E così oggi assistiamo al già menzionato assessore dei 28 voti che definisce la delibera che riduceva la possibilità di riempirsi di Kebab, sale di slot, sexi-shop ecc, una sorta di “stop razziale” inaccettabile sul piano politico-culturale! Insomma ci predica dal suo pulpito l’ineffabile assessore: evviva i Kebab e simili! E’ infatti noto a tutti come vi siano un kebab, una sala-slot, un sexi-shop, un distributore automatico di pastasciutta ecc davanti al grande albergo che lui dirige. Ora comprendiamo tante cose. Ma le stanno comprendendo anche i viareggini. Questo anche alla faccia di tutti gli impegni di impedire il degrado urbano etico e commerciale “

(Visitato 135 volte, 1 visite oggi)

Barsanti (Sel): “Con la vendita delle azioni Salt la Provincia riveda il piano delle alienazioni”

Federica Pellegrini a Viareggio. Baldini: “Il presidente Crisci non molla mai, merita aiuto dal Comune”