VIAREGGIO. Overmarine Group | Mangusta, leader riconosciuto a livello mondiale nel segmento dei Maxi Open yachts per gamma e prestazioni dei suoi modelli, parteciperà alla prima edizione del Qatar International Boat Show (12/16 novembre) con uno stand nell’area dei cantieri di lusso e con l’attuale ammiraglia della flotta, il Mangusta 165. La partecipazione a questo salone va a consolidare la politica di investimenti, innovazione, ampliamento della gamma e presenza in nuovi mercati che Overmarine Group sta perseguendo.

“Crediamo molto in questa prima edizione”, afferma Francesco Frediani, Direttore Commerciale del Gruppo. “Oggi il Qatar grazie agli incredibili sviluppi di marine e porti turistici ed alla sua alta concentrazione di ricchezza rappresenta un polo strategico per la nautica di lusso e quindi per il nostro Gruppo”. Aggiunge poi: “non dobbiamo poi scordarci che in questa area il marchio Mangusta è molto conosciuto e possiamo vantare importanti successi di vendita. Uno per tutti il Mangusta 165 qui esposto che fa abitualmente bella mostra di sé proprio in queste acque”.

Il Mangusta 165 sarà lo yacht più grande del Salone, senza dimenticare che questo modello, con i sui 40 nodi di velocità, è attualmente il più veloce maxi open del mondo. Un modello che continua a dare grosse soddisfazioni, come dimostrano le 7 unità consegnate dal 2007 ad oggi e gli altri due esemplari in costruzione con consegna 2014 Progettato da Stefano Righini con la collaborazione del team Overmarine Group , il Mangusta 165 è la massima rappresentazione dello stile Mangusta: perfetto equilibrio di forma, purezza di linee e profilo sportivo insieme a comfort e volumi paragonabili ad un’imbarcazione a tre ponti delle stesse dimensioni, del tutto insospettabili dall’esterno per via delle sue linee sportive.

A bordo, la disposizione degli spazi è frutto delle richieste dell’Armatore che l’Ufficio Artistico Overmarine Group ha saputo perfettamente interpretare. Il design degli interni è pulito: grazie alla ricchezza decorativa di ebano, tanganika e pelle, lo stile è contemporaneo ed unico. Particolare la VIP che ha gli stessi volumi della cabina armatoriale. Gli spazi esterni sono ideali per l’armatore e la sua famiglia per trascorrere momenti di relax e l’ampio fly ospita anche una seconda timoneria. Il salone sarà anche l’occasione per presentare a questo mercato l’ultimo progetto della linea dislocante Mangusta Oceano: un 42 metri in acciaio e alluminio. Il progetto porta la firma del designer Alberto Mancini, che ha iniziato con il Mangusta Oceano 42 la sua collaborazione con Overmarine Group | Mangusta per la linea dislocante.

A bordo del Mangusta Oceano 42 un attento studio della luce ed un concept nuovo che prevede due zone innovative: sul ponte a prua con piscina con cascata ad effetto infinity e a poppa con il portellone che si apre sul mare e ha una vera e propria beach area arredata. Gli interni sono progettati per accogliere nella massima privacy e libertà di movimento fino a dodici ospiti e sette uomini di equipaggio.

(Visitato 103 volte, 1 visite oggi)

Azimut Benetti porta i suoi yacht negli States

La foto del giorno