Ex cava Viti, sopralluogo di tre commissioni della Provincia di Lucca - Cronaca Versiliatoday.it

Ex cava Viti, sopralluogo di tre commissioni della Provincia di Lucca

LUCCA. I componenti delle commissioni provinciali n. II, IV e V hanno effettuato ieri lunedì 16 dicembre un sopralluogo al sito della discarica ex cava Viti, a cavallo tra i territori comunali di Pietrasanta e Montignoso.

I tre organismi consiliari della Provincia, che si occupano rispettivamente di trasparenza e controllo, attività produttive e ambiente, si sono riuniti su richiesta del presidente della II commissione Fabio Giannotti e del gruppo di Forza Italia, in accordo coi presidenti della IV e V commissione Oriano Rinaldi e Isaliana Lazzerini per ispezionare la discarica e fare il punto sulle condizioni del sito con i vertici dell’azienda che lo ha in concessione.

A guidare i componenti delle commissioni consiliari è stata la vicepresidente della Provincia di Lucca e assessore all’ambiente Maura Cavallaro la quale ha illustrato, insieme ai dirigenti dell’azienda, gli interventi di lavorazione del sito in questione sia relativi allo smaltimento dell’amianto che a quello della marmettola – residui lapidei -, oltre che alle terre da scavo.

Dopo l’interrogazione della consigliera regionale Staccioli alla Regione Toscana, i consiglieri provinciali si sono voluti rendere conto di persona della situazione. Le condizioni, monitorate costantemente dai tecnici delle Province di Lucca e Massa Carrara, risultano secondo gli uffici, rispettose di tutte le prescrizioni di legge in materia, con osservanza, sia nella lavorazione che nello stoccaggio, delle pratiche concordate dagli uffici competenti.

I partecipanti al sopralluogo – che hanno avuto l’opportunità di veder in funzione impianti che trattano rifiuti speciali con la necessaria accortezza e nel rispetto delle leggi – si augurano che si concretizzi presto la possibilità di chiudere un accordo tra Ersu e la società di gestione della discarica. Un’intesa che è ancora in fase di discussione ma che sarebbe auspicabile per abbattere i costi di dismissione delle componenti in eternit, ma anche con la prospettiva di allargare l’accordo a tutti i Comuni della Versilia.

(Visitato 44 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 18-12-2013 10:44