FORTE DEI MARMI. Lo sportello cimiteriale degli uffici demografici comunali è a disposizione dei cittadini per spiegare la procedura necessaria alla riduzione dei resti  dei congiunti tumulati dal almeno trent’anni nei loculi di famiglia. “Il servizio – spiega la responsabile Daniela Mazzucchelli-  si rende necessario a causa delle penuria di loculi, in cui versa attualmente il cimitero pubblico  e servirà ai cittadini per predisporre per tempo l’iter previsto  quando la famiglia ha bisogno di provvedere alla sepoltura di un defunto, non avendo a disposizione un nuovo loculo.

Il cimitero, nel frattempo – prosegue Mazzucchelli- ha messo a disposizione  due tombe di proprietà comunale, in attesa che vengano espletate le formalità per la riduzione dei resti, che abbisognano di vari giorni. Muovendosi preventivamente invece, si può ovviare a questa procedura ed avere già pronta la sistemazione. A seguito della carenza dei loculi, l’unica soluzione ad oggi è l’inumazione  in terra, tuttavia al momento si trova in una situazione di criticità.

Per questo,  chi ha un estinto inumato nel cimitero cittadino da almeno 10 anni troverà sulla tomba un avviso  con cui si invita il congiunto a presentarsi allo sportello cimiteriale dove potrà  espletare le pratiche burocratiche e logistiche della riesumazione della salma, la riduzione e la successiva procedura di tumulazione, come prevede la normativa cimiteriale in materia.  Questo si rende necessario, dal momento che abbiamo necessità di recuperare spazi per le inumazioni delle salme.

(Visitato 26 volte, 1 visite oggi)

Parcheggi gratuiti fino a Befana

Nuova copertura alla pista di skate park