VIAREGGIO. “Il percorso avviato dall’Amministrazione Comunale, teso al riordino della normativa sui rumori, le attività musicali e di intrattenimento, è positivo sia nel merito che nel metodo. Nel merito, in quanto si propone di correggere alcuni errori e vecchie impostazioni dei regolamenti in essere, anche alla luce delle recenti disposizioni legislative in materia di attività “libere” (il semplice “allietamento musicale”) e di “eventi minori”; nel metodo, e su questo vigileremo attentamente, perché l’Amministrazione Comunale ha chiaramente affermato di voler fare presto, anche attraverso incontri “serrati” con le categorie e la Regione”.

A scriverlo è la giunta esecutiva di Ascom Viareggio che, anche su questo tema, è pronta a fare la propria parte, portando al tavolo le istanze delle imprese del territorio: “non solo dei pubblici esercizi, che pure in questo campo hanno un particolare ruolo sociale, ma in generale di tutte le aziende che danno servizi ai cittadini e ai turisti”.

“Passare da regolamenti vecchi e lacunosi, ad una liberalizzazione incontrollata, sarebbe un errore altrettanto grave, un peso insostenibile per il delicato equilibrio tra tutte le componenti del nostro sistema economico e sociale, che comprende anche il diritto al riposo e alla quiete di cittadini e turisti.

Dare ossigeno alle aziende, assicurando loro i corretti strumenti per lavorare, fare musica e intrattenimento, è dunque un obiettivo vitale per il nostro territorio e per il suo sistema di accoglienza. Ci sono, in questo come in altri campi, norme poco chiare e anche in conflitto tra loro: servono meno carte bollate e regolamenti sostenibili, al passo coi tempi, a vantaggio e tutela degli stessi operatori che sono chiamati a rispettarli”.

(Visitato 69 volte, 1 visite oggi)

“Il sindaco Betti è sempre più solo e sempre meno umile”

“Non sono uno che compra i consiglieri comunali offrendo loro le poltrone”