PIETRASANTA. Il sindaco Lombardi, visibilmente felice, esprime tutto la sua soddisfazione per il successo del regista Alfonso Cuarón alla notte degli Oscar per il film Gravity che vede tra gli interpreti George Clooney e Sandra Bullock. Il Film che in totale conquista 7 statuette (effetti speciali, sonoro – due categorie, fotografia montaggio, miglior soggetto originale e miglior regista) vede proprio il regista abitante a Pietrasanta vincitore come Miglior Regista e montatore.

Il maestro, semplice e cortese si presenta in sala consiliare con una scatola dalla quale tira fuori le due statuette originali e le mette a disposizione anche fisicamente dei fans venuti numerosi a rendergli omaggio.

“Cuaron è una splendida persona – ha detto il sindaco Domenico Lombardi – un grande regista e un futuro cittadino di Pietrasanta: ho infatti avviato l’iter per conferirgli la cittadinanza onoraria. Per ricambiarlo della generosità con cui aveva omaggiato la città con l’anteprima nazionale di GRAVITY, abbiamo voluto questa cerimonia semplice, ma di autentico affetto”.

Alfonso Cuarón
©versiliatoday

“Sono sorpreso e sono commosso – esordisce il maestro – non ho scelto di vivere a Pietrasanta, una bellissima coincidenza mi ha portato in questo posto immensamente generoso e culturalmente stimolante che mi ha accolto con un grande sentimento. Il Messico è la mia Patria, ma a Pietrasanta ho trovato la mia seconda casa. Una città con una comunità artistica molto importante e presente tra la gente. Addirittura vi ho ritrovato un caro amico messicano: dopo trent’anni l’ho incontrato al supermercato, di fronte a un passato di pomodori, e non ci volevo credere”.
Si tratta dell’artista Gustavo Aceves che insieme a Igor Mitoraj, altro cittadino onorario di Pietrasanta e a Girolamo Ciulla, questa mattina è intervenuto in rappresentanza della comunità artistica.

Accolto in municipio dagli applausi di amici e ammiratori, quasi intimidito da tanto clamore suscitato, ha stretto mani, firmato autografi e fatto fotografie consentendo a tutti di farsi ritrarre con le preziose statuette. Con lui c’erano la figlia Bu e l’ex moglie Annalisa Bugliani. Di fronte a lui una vera e propria cortina di fotografi e cameraman. Da SKY alla RAI, da Televisa alle emittenti locali.

La vita familiare di Alfonso Cuarón si svolge qui, nella piccola Atene. Alla domanda: Perché il primo bagno di folla con le statuette viene fatta a Pietrasanta e non in Messico, sua terra natale? Simpaticamente: “Semplice, dovevo venire a prendere i miei figli a scuola!”

Per il futuro: “Ho intenzione di dedicarmi a un film meno tecnologico e più con “i piedi per terra” – ha spiegato il regista – mi piacciono scrittori come Pietro Grossi e Massimo Carlotto. Vorrei girare un film in Toscana, così potrei stare vicino alla mia famiglia”. E Pietrasanta per voce del suo primo cittadino già si è candidata. Primo cittadino che ha omaggiato personalmente Cuarón con un Oscar tutto versiliese: una scultura in bronzo di Romano Cosci che è subito finita a far bella compagnia alle due statuette hollywoodiane.

Oscar alfonso Cuarón
©versiliatoday

Abbiamo avuto l’onore di prendere tra le nostre mani la statuetta dorata: placcata in oro 24 carati, è alta 35 centimetri ed è molto pesante, 4 chilogrammi.

(Visitato 580 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Alfonso Cuaron gravity gravity oscar oscar

ultimo aggiornamento: 06-03-2014


Come si realizza una action photography

Più di 1200 foto per “Scatta il Carnevale 2014”. Fotografa e vinci un IPad Air