VIAREGGIO. “Ancora una volta il Consorzio Auser di Bientina è autore di gravi episodi che violano le agibilità e prerogative sindacali previste dalla norme contrattuali e di legge.” Lo affermano i sindacalisti Lino Giovannelli (Flai Cgil di Lucca) e Paolo D’Olivo (Uilbi Uil) in una lettera indirizzata al prefetto di Lucca Giovanna Cagliostro.

“Il primo caso riguarda una contestazione d’addebito rivolta al rappresentante sindacale aziendale della Flai Cgil, al quale il Consorzio indirizza l’accusa di aver utilizzato la ‘strumentazione consortile’ per l’invio di due mail all’assessore regionale Anna Rita Bramerini.

“Ebbene, su questo primo caso, sentiamo di fare alcune considerazioni. L’email inviate all’assessore regionale sono pertinenti alla sicurezza e al lavoro, inoltre non ci risultano nel passato provvedimenti di tale forza nei confronti di un delegato sindacale, sebbene ci risulti una prassi consolidata che permette l’uso di strumenti informatici per lo scambio di informazioni interno, o tra Rsa e azienda, e viceversa.

“Infine, il Consorzio non ci ha mai segnalato un uso indebito della posta elettronica o della rete internet, né ha mai manifestato alle organizzazioni sindacali o alle Rsa, l’esigenza di porre una regolamentazione all’utilizzo di tali strumenti.

Se la volontà del Consorzio trovasse ulteriori conferme nei confronti del dirigente sindacale, chiederemo che vengano poste a setaccio e verificati tutti gli strumenti del Consorzio, telefono, fax, internet, utilizzati anche dalla direzione e dalla presidenza.

“Il secondo caso matura due giorni dopo la contestazione d’addebito: precisamente il 5 marzo scorso, la Direzione del Consorzio manifesta nuovamente la sua vocazione antisindacale adottando un ordine di servizio sul personale, mansioni e organizzazione del lavoro senza darne preventiva informazione alle Rappresentanze Sindacali, come previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro. Egregio Prefetto, non abbiamo speranza.

“Se il clima continuerà ad essere questo, non ci rimarrà che valutare un’azione sindacale e legale: per questa ragione che ricorriamo a lei, che peraltro è già informata da un dossier che le abbiamo consegnato e che elenca i numerosi fatti perpetrati dai responsabili del Consorzio Auser di Bientina.

“La situazione si fa ulteriormente drammatica se consideriamo che, a breve, avrà inizio la costituzione del nuovo ente Consorzio di Bonifica Toscana Nord, che dovrà preveder un tavolo contrattuale per definire la riorganizzazione dei Servizi e il riassetto del personale.

“La nostra preoccupazione è che il ‘nuov’” non nasca sotto buoni auspici, ma si porti dietro una pratica discutibile e antisindacale che potrebbe innescare ragioni di conflittualità nel prossimo futuro.”

(Visitato 26 volte, 1 visite oggi)

Al via le potature sulle strade della Provincia

Angelini consegna il Consorzio. Nasce il nuovo Ente di Bonifica