LUCCA. A poche ore di distanza dalla notizia diramata dal Ministero  dell’Interno circa la necessità di distribuire sul territorio nazionale i nuovi immigrati del Nord Africa in arrivo dalle coste siciliane, cui la Prefettura di Lucca ha fatto seguire il tempestivo monitoraggio su tutti i comuni della provincia di Lucca al fine di acquisire le relative disponibilità, già dalla serata di ieri il cerchio era chiuso.

Un atteggiamento decisamente positivo nei tempi e nei contenuti  delle risposte fornite con l’urgenza richiesta e con ammirevole spirito di solidarietà. Ciò ha consentito nella prima mattinata di oggi di tenere un briefing in Prefettura con le Forze dell’Ordine, i vertici della Provincia e degli altri Enti Locali, nonché delle risorse del Volontariato (CRI, CEIS  Gruppo Giovani e Comunità, GVAI, Croce Verde, Associazione Partecipazione Sviluppo) al fine di gestire l’accoglienza dei 40  immigrati, il cui arrivo è previsto in serata.

Nell’incontro si sono concordate le strategie di prima accoglienza quali il trasporto, la distribuzione nelle strutture – ubicate nei comuni di  Lucca, Bagni di Lucca, Capannori, Camporgiano e Gallicano – in cui  gli stranieri dovranno essere ospitati, l’assistenza sanitaria e giuridico-amministrativa, il tutto col necessario supporto della mediazione linguistica.

Duro il commento di Forza Italia in Regione. “Ancora un’emergenza, ancora una volta gestita nel peggiore dei modi, senza pianificazione e senza il coinvolgimento di chi è in prima linea: sindaci, associazioni di volontariato, e i cittadini, a cui vanno date informazioni certe e soprattutto garanzie di sicurezza e tranquillità. La Regione e il presidente Rossi erano informati dell’arrivo in Toscana di 380 immigrati? E se sì, perché non ha comunicato questa questione al Consiglio Regionale? Oppure dobbiamo pensare che questa scelta sia tutta da mettere in conto al Governo Renzi? E’ opportuno che Rossi si relazioni con il Ministro Alfano e poi venga in Consiglio non solo a fare una fotografia dell’esistente, ma anche delle misure che la Regione intende adottare”. Così Stefania Fuscagni, consigliere regionale di Forza Italia e portavoce dell’Opposizione nel commentare le modalità con cui si sta verificando l’arrivo in Toscana di 400 immigrati provenienti da Lampedusa. “E’ evidente – aggiunge –  che siamo di fronte a persone che soffrono e a cui vanno date risposte vere, ma certo i problemi di immigrazione non risolvono così e chi pensa che la soluzione sia diluire la presenza degli immigrati “disseminandoli” è politicamente a metà strada tra la follia e il peggiore dei buonismi. Questo modo improvvisato di affrontare temi delicatissimi – incalza la portavoce dell’Opposizione – è davvero insopportabile. C’è davvero qualcuno che pensa che sia possibile gestire tragedie immani aprendo le porte senza garanzie di sicurezza e soprattutto senza preparare né avvertire con il dovuto anticipo chi è deputato all’accoglienza, mettendo i cittadini dinnanzi a scelte fatte altrove? Ma davvero si pensa che il problema dell’immigrazione si risolva “lampedusizzando” la Toscana e dividendo le criticità senza trovare soluzioni? Sarebbe meglio che il Governo, quando va in Europa – invece di chiedersi se va davanti o dietro la lavagna – parlasse di questo e cioè che il tema dell’immigrazione è un tema di tutti e non solo un problema italiano. Quanto alla Regione – conclude Fuscagni – ancora una volta siamo senza parole”.

(Visitato 21 volte, 1 visite oggi)
TAG:
lampedusa Lucca profughi

ultimo aggiornamento: 21-03-2014


Vincita al Superenalotto nella rivendita rapinata la scorsa settimana

Pier Francesco Pardini nel direttivo nazionale dell’Udc