Cede la strada e si apre un piccolo cratere. Proteste a Pedona - Comune Camaiore, COMUNI, Cronaca, Cronaca Camaiore, Top news Versiliatoday.it

Cede la strada e si apre un piccolo cratere. Proteste a Pedona

CAMAIORE. Proteste a Pedona, per un buco nella strada che, col tempo, si allarga e mette a repentaglio la sicurezza di chi ci passa vicino.

“Nella frazione di Pedona sulla via Carbonaia si è aperto da qualche tempo uno sfondamento nella sede stradale. Questo è già stato segnalato da altri cittadini a suo tempo (poco più di un mese fa) e da me verbalmente la settimana scorsa presso il Comando della Municipale. Sfortunatamente la situazione peggiora di giorno in giorno ed il muro di contenimento della sede stradale, fino a poco fa manifestante un solo cedimento, è ora completamente crollato, come si può ben vedere”.

Così alcuni residenti di Pedona denunciano la situazione che persiste orma da tempo, e che col tempo aumenta la sua pericolosità. “A suo tempo – scrivono – l’unico provvedimento fu di segnalare il cedimento col nastro bianco/rosso legato a due tondini confitti nel manto stradale ed una lampada di segnalazione che, col passaggio continuo di mezzi anche di medie dimensioni, sono ridotti come si può vedere. Attualmente la larghezza massima della sede stradale è di circa 2,20m. Faccio anche presente che, come visibile dalle foto, poco sotto la superficie del manto asfaltato, corrono le condotte dei seguenti servizi: fognatura nera, acque bianche, gas gpl, acquedotto comunale, illuminazione pubblica alcune già visibili. Non oso pensare alla rottura della fognatura nera o del gpl e dell’acquedotto”.

“Probabilmente  – conclude la lettra – la mancanza di interventi è dovuta al fatto che il muro crollato insiste su una proprietà privata e, come spesso avviene in questi casi, vi è un continuo rimbalzo di competenze fra pubblico e privato. Un intervento palliativo potrebbe essere la posa di un lamiera in ferro di opportune dimensioni e spessore che permettesse di distribuire il carico dei veicoli in transito su una superficie più vasta. A tutt’oggi si ha l’impressione che lÚfficio Tecnico abbia sottovalutato questa situazione. Vista la progressione del degrado non si pùo escludere a priori il verificarsi di qualche incidente nel qual caso malaugurato il Comune si vedrebbe certamente chiamato in causa come corresponsabile. Questa segnalazione viene rivolta alla Polizia Municipale, non avendo trovato un indirizzo e-mail dell’Ufficio Tecnico, certo che la reinvierete allo stesso per via interna”.

 

(Visitato 87 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 03-04-2014 21:15