VIAREGGIO. Entra nel vivo la sperimentazione del pesce locale per la ristorazione scolastica viareggina. Questa mattina è stata servita nelle mense scolastiche delle scuole di Viareggio – gestite dall’Azienda speciale pluriservizi – la pasta con sugo di pesce fresco della costa Toscana. La “materia prima”, ossia il cosiddetto pesce “povero”, è stato fornito dai pescatori della Cooperativa Cittadella della Pesca.

Si tratta dell’avvio della sperimentazione per il consumo di pesce fresco nelle mense scolastiche, attuata con il patrocinio della Regione Toscana e su precisa volontà ed indirizzo dell’amministrazione comunale che ha interessato l’assessorato alla pubblica istruzione, l’assessorato alle attività produttive e gli uffici della pubblica istruzione.

L’iniziativa si inserisce nel progetto “Mangiare locale si può”, che ha come scopo l’uso di prodotti dell’agricoltura e della pesca toscana nella refezione scolastica.

“Lo scopo della sperimentazione – spiega Stefania Tori, responsabile del servizio mense dell’Asp – è di valutare il gradimento da parte dei bambini e capire se i costi del pesce fresco sono sostenibili per la ristorazione scolastica. Naturalmente si tratta di pesce povero che normalmente non entra nel giro commerciale della grande distribuzione”.

Parliamo di pesce povero perché snobbato dal mercato – che punta su poche specie ben più costose -, ma ricco di principi nutritivi.

“Il progetto – aggiunge il direttore di Asp Marco Franciosi – interessa molti Comuni toscani che hanno portato avanti varie iniziative sul tema. Viareggio è il Comune capofila per quanto riguarda la pesca e riceverà un finanziamento dalla Regione per la costruzione di un laboratorio di lavorazione del pesce povero (spellatura, deliscatura e confezionamento) e per la sua distribuzione nelle mense scolastiche toscane”.

Dopo questa prima valutazione, che sarà completata nei prossimi giorni, la sperimentazione prevede un secondo momento, venerdì prossimo, quando si farà ricorso al pesce di produzione locale per la preparazione della seconda
portata.

(Visitato 22 volte, 1 visite oggi)