CAMAIORE. La giornata di sabato 12 aprile ha visto le “cucine aperte” nei plessi scolastici di Camaiore e Capezzano, iniziativa programmata dall’amministrazione comunale e da Cir-Food, azienda che gestisce il servizio.

Per le famiglie e tutti gli interessati è stato possibile visitare le mense e le relative dispens) delle scuole primarie e d’infanzia di Camaiore e Capezzano. Anche il sindaco Alessandro Del Dotto e l’assessore all’istruzione Sandra Galeotti si sono recati alle scuole Tabarrani del capoluogo per prendere parte all’iniziativa.

“Un appuntamento concordato con l’azienda che garantisce tranquillità e trasparenza”, dichiara l’assessore Galeotti. “Nel frattempo, sul fronte istituzionale, prosegue a pieno ritmo il lavoro della Commissione Mensa, composta da genitori, insegnanti, dalla ditta e da noi amministratori. Pochi giorni fa è stato dato il via ad un tavolo di lavoro composto da rappresentanti di genitori e docenti della Commissione, ristoratori e Cir-food che ha portato ad alcune proposte di rinnovo dei menù e revisione dei piatti in vista del prossimo anno scolastico”.

visita-mensa01Dalle ore 12 alle 13 sono stati effettuati gli assaggi dei cibi solitamente serviti agli alunni: dal pesce all’isolana alla frittata di verdure, dai bocconcini di tacchino ai ravioli al burro.

Il ‘controllo qualità’ sui cibi proposti nelle mense è inoltre effettuato giorno per giorno, come stabilito dalla Commissione, che ha chiesto di compilare quotidianamente ai docenti questionari su ogni aspetto che riguarda i piatti. I documenti vengono poi inviati passo passo all’Ufficio Istruzione del Comune e in seguito elaborati dalla stessa Commissione. “Da parte nostra rimane sempre la massima attenzione al benessere e alla salute dei bambini, nonché la massima disponibilità ad ascoltare la voce dei loro genitori”, conclude Del Dotto.

(Visitato 153 volte, 1 visite oggi)

Migliaia di persone per “È la via dell’orto”. Ultimo giorno di fiera a Camaiore (le foto)

“Solidarietà e vicinanza alla Dirigente dell’Istituto Comprensivo Gaber”