VIAREGGIO. Venticinque minuti in cui il sogno stava prendendo forma, prima di sgretolarsi definitivamente. L’Spv si è giocato come meglio non poteva le residue chance di salvezza. Ha lottato, corso e sofferto, ma contro un avversario più forte ha dovuto arrendersi, facendo i conti con l’amara realtà che a questo punto non lascia scampo. Andrea Facchini, tecnico dei viareggini, mostra amarezza, ma allo stesso tempo non butta al vento quanto fatto dai suoi ragazzi durante tutto il campionato: “All’intervallo onestamente speravamo di poterci salvare, vedevamo che il Cgc non stava spingendo al massimo, ma non è bastato. Il rammarico non è per la sconfitta di stasera, quanto per quelle negli scontri diretti, specie contro il Matera in casa. Avevamo disputato un bell’inizio di stagione, poi ci siamo un po’ persi lungo il cammino. Il nostro è un gruppo giovane, che doveva fare esperienza. Sapevamo che con il Correggio ed il Matera avremmo disputato un campionato a parte: purtroppo siamo mancati negli appuntamenti decisivi. Il lavoro degli ultimi tre-quattro anni testimonia un grande miglioramento, a prescindere dalla retrocessione. Sono comunque convinto che la salvezza era alla nostra portata”.

(Visitato 77 volte, 1 visite oggi)
TAG:
andrea facchini CGC Viareggio hockey su pista spv viareggio

ultimo aggiornamento: 15-04-2014


Mirko Bertolucci: “Il Cgc se la giocherà con tutti nei play-off”

La fotogallery di Spv-Cgc