VIAREGGIO. “Rimaniamo perplessi di fronte alla nomina di Mauro Moretti ai vertici di uno dei principali gruppi industriali italiani, Finmeccanica. Una scelta discutibile perché a nostro avviso quanto accaduto a Viareggio quasi cinque anni fa non si risolve con un semplice spostamento tra aziende dello Stato. Quella di Viareggio fu una strage “annunciata” che il 29 giugno del 2009 uccise 32 persone innocenti. Non possiamo rimanere in silenzio e soprattutto non ricordare quanto avvenuto a Viareggio. Mauro Moretti in qualità di amministratore delegato di Ferrovie dello Stato è stato rinviato a giudizio per la strage ferroviaria. Non si trattò di “uno spiacevole incidente”, come lui stesso lo definì nei giorni immediatamente successivi. Chiediamo che venga fatta giustizia e che emerga la verità su quanto successo perché non accada mai più”.

Lo scrivono Elisa Montaresi, segretaria comunale e consigliera comunale del Pd di Viareggio, Giulia Ercolini, segretaria dei Giovani Democratici della Versilia, e Maurizio La Veneziana, segretario dei Giovani Democratici Viareggio.

“Vogliamo esprimere inoltre vicinanza ai familiari delle vittime, costretti ancora una volta a ricordare e a rivivere quei momenti drammatici. Ribadiamo che questo spostamento non soddisfa il desiderio di giustizia dell’intera città di Viareggio”.

(Visitato 15 volte, 1 visite oggi)

“Non vogliamo trasformare i pub in discoteche ma adeguarci ai nuovi modi di intrattenimento”

Betti incontra gli operai dei cantieri navali: “Dobbiamo investire sul ‘brand’ Viareggio”