VIAREGGIO. La confederazione Cobas Pisa e Versilia esprime “tutta la propria solidarietà alle famiglie che hanno occupato lo stabile di via Matteotti con il sostegno dei compagni della Brigata Sociale antisfratto e dell’Unione Inquilini.

“L’emergenza abitativa, insieme alla perdita di migliaia di posti di lavoro, sono una delle manifestazioni più drammatiche della crisi economica, aggravata dalle politiche di austerità imposte da Ue e Fmi che hanno fatto in modo che la crisi venisse pagata dalle fasce più deboli della popolazione: precari, lavoratori, disoccupati e pensionati. A Viareggio le istituzioni locali sono state fino ad oggi totalmente incapaci nell’affrontare la questione casa che rappresenta ormai una vera e propria emergenza sociale.

“Sono ormai centinaia le famiglie in emergenza abitativa e le soluzioni tampone fino ad oggi utilizzate, come alberghi e casa famiglie, sono totalmente inadeguate. E se le istituzioni non sono in grado di dare nessun tipo di risposta, come ad esempio il blocco degli sfratti, è giusto e legittimo che le persone si organizzino per soddisfare i propri bisogni. E ci pare assurdo e vergognoso che l’unica risposta che il comune sa dare a chi occupa una casa per non essere in mezzo ad una strada sia la repressione, con denunce e minacce di sgombero.

“Ribadiamo la nostra vicinanza al Matteotti Occupato perché crediamo che l’auto-organizzazione e la riappropriazione siano oggi l’unica strada percorribile per difendere i diritti più elementari di tutti noi”.

(Visitato 19 volte, 1 visite oggi)
TAG:
cobas pisa cobas versilia matteotti occupato via matteotti viareggio

ultimo aggiornamento: 30-04-2014


Il viareggino Del Carlo alla guida dei pensionati Cia Toscana

Raccolta firme pro farmacia comunale per il Primo Maggio di Pietrasanta