VIAREGGIO. È stato pubblicato sul Burt della Regione Toscana il regolamento di attuazione della legge 41 del 2012 di sostegno al vivaismo. Si dichiara soddisfatta Coldiretti che aveva seguito, passo dopo passo, il percorso che ha portato alla stesura e all’approvazione definitiva di quello che è “uno strumento importante per mettere ordine, uniformare le interpretazioni, semplificare e tutelare il settore nella nostra regione anche attraverso norme più chiare”.

La Toscana è la prima regione in Italia a dotarsi di uno strumento che di fatto regolamenta, materia per materia, tutti gli aspetti di un settore molto importante che interessa tra la Versilia e la Piana di Lucca una cinquantina di realtà imprenditoriali – la Toscana produce da sola il 30% del fatturato vivaistico italiano.

Il regolamento chiarisce quando un’area può essere considerata vocata all’attività vivaistica. Le zone vocate, in base al regolamento, dovranno coinvolgere almeno 80 ettari e dovrà essere considerata anche l’importanza economica del settore e la presenza di strade e collegamenti adeguati. Si è fatta chiarezza inoltre l’altezza consentita per gli annessi (fino a nove metri), mitigandone se necessario l’impatto sul paesaggio anche con l’impiego di verde, e fissando una volta per tutte criteri unici e chiari validi in qualsiasi comune. Il regolamento stabilisce le condizioni per le coltivazioni in vaso a cielo aperto, e vengono specificati quali materiali si potranno stendere sul terreno.

Non solo vivaismo in senso lato, il regolamento che porta la firma, insieme a quella dell’assessore all’agricoltura e foreste, anche dell’assessore all’urbanistica, pianificazione del territorio e paesaggio, elenca anche i primi criteri a cui si dovrà ispirare per riqualificare il verde pubblico delle città come la creazione di boschi urbani e barriere verdi lungo le strade più trafficate, la realizzazione di tetti verdi e giardini verticali, che migliorano il microclima delle città, ma aiutano a tenere sotto controllo anche i consumi energetici degli edifici.

(Visitato 10 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Coldiretti Regione Toscana verde pubblico versilia vivaismo

ultimo aggiornamento: 28-05-2014


Doposcuola, il tavolo dei minori al lavoro per coordinare le attività

La Coop Demetra: “Il bando per il servizio di sorveglianza alla Lecciona non è congruo”