Europei di hockey su pista, l'Italia fatica più del dovuto per domare la Germania - Hockey, Sport Versiliatoday.it

Europei di hockey su pista, l’Italia fatica più del dovuto per domare la Germania

MADRID. L’Italia batte la Germania 3-2 nella seconda giornata degli Europei di hockey su pista ad Alcobendas al termine di una partita incredibile in cui rimonta da 0-2 quando la gara sembrava ormai compromessa.

Contro una Germania ben organizzata e molto veloce, le cose si erano davvero messe male per un’Italia non all’altezza del suo blasone. I tedeschi trovano subito il gol con Lucas Karschau a trasformare il rigore assegnato dalla fiscalissima coppia arbitrale per fallo di Illuzzi. L’autore del vantaggio festeggia scagliando via il bastone e viene a sua volta espulso, ma l’Italia non riesce a sfruttare il powerplay. Al 7′ c’è un rigore, ma Tataranni inizia la sua serata no colpendo il palo. All’8′ l’Italia è di nuovo sul dischetto per il blu a Kevin Karschau; Tataranni fallisce di nuovo e per la seconda volta l’Italia non sfrutta il powerplay. Tutto questo mentre la Germania non sta a guardare, ma impegna più volte Gnata sia con ottime manovre che con veloci contropiede.

Per tutto il primo tempo e per buona parte della ripresa, l’Italia non ingrana. Mariotti prova tutti i cambi a disposizione, escluso Pagnini che viene tenuto a riposo per un affaticamento muscolare. Il risultato è sempre lo stesso: difesa traballante sotto i colpi tedeschi e attacco stregato dalla prova dell’ottimo Glowka.
Si va al riposo sull’1-0 e quando si rientra in pista le cose con cambiano. La Germania ci grazia al 3′ sulla punizione del 10′ fallo e gli azzurri contraccambiano 20″ dopo con il terzo errore di Tataranni. A metà della ripresa la doccia fredda: Kevin Karschau trova il corridoio giusto e trova la meritata rete del raddoppio. La partita dell’Italia inizia qui: di fronte alla prospettiva di una sconfitta storica e di una figuraccia difficile da cancellare, gli azzurri si scuotono. A suonare la carica è Mattia Cocco che trova al 12′ il gol che ridà fiato agli azzurri. Seguono due minuti di totale amnesia difensiva in cui la Germania gioca al tiro al piccione contro Gnata che salva in più occasioni il risultato. Mariotti alza la squadra, manda i suoi in pressing e i tedeschi in confusione. Al 14′ Motaran fa le prove del gol, ma colpisce il palo. Si rifà due minuti dopo mettendo dentro la pallina che vale il pari.

Il finale di partita è drammatico. Ci si arriva con entrambe le squadre a quota 14 falli che provano a vincere la partita: il pareggio non accontenta nessuno, in particolare gli azzurri. Che all’ultima azione passano. Tataranni va via dietro porta e subisce il 15′ fallo che fa infuriare la panchina tedesca: sul cronometro mancano appena 8″ alla fine del match. Sul dischetto, questa volta, ci va Ambrosio che mette a sedere Glowka e segna quando di secondi ne mancano appena 5; troppo pochi per le speranze di una Germania che non meritava di perdere.
L’Italia si gode il risultato e i tre punti che la mantengono in testa all’europeo.

GERMANIA-ITALIA 2-3 (primo tempo: 1-0)

MARCATORI: 3.57 L.Karschau (rigore). Nella ripresa: 10.20 K.Karschau, 12.11 Cocco, 16.27 Motaran, 19.55 Ambrosio (punizione).

GERMANIA: Patrick Glowka, Lucas Karschau, Liam Günther Hages, Kai Milewski, Kevin Karschau, Robin Shulz, Jorge Fonseca, Sergio Pereira, Max Hack, Philip Leyer. All: Marc Berenbeck.

ITALIA: Leonardo Barozzi, Davide Motaran, Leonardo Squeo, Federico Ambrosio, Massimo Tataranni, Domenico Illuzzi, Alessandro Verona, Marco Pagnini, Mattia Cocco, Riccardo Gnata. All: Massimo Mariotti.

ARBITRI: Francisco Garcia (Spain) e Oscar Valverde (Spain). Terzo arbitro: Miguel Guilherme (Portugal).
ESPULSIONI. PT: 3.57 2′ Illuzzi, 3.57 2′ L.Kaschau, 8.21 2′ K.Karschau.
FALLI DI SQUADRA: 15-14

(Visitato 31 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 16-07-2014 21:45