PIETRASANTA. In collaborazione con Alessandro Mazzucco, si è svolta martedì sera all’OSTRAS BEACH di Marina di Pietrasanta “l’irruzione” di un nuovo cantante toscano di origine ma Internazionale come esperienza, GHERI nome d’arte di Gabriele Cancogni.

Dopo un intenso lavoro in studio, affiancato da Luciano Luisi (già collaboratore di Zucchero e produttore del disco “Mondovisione” di Ligabue) ieri sera ha cantato live il suo primo singolo OKLAHOMA.

“Si tratta di un potente brano che racconta la disillusione di una generazione defraudata del diritto di avere un presente decente che reagisce con energia e determinazione ma soprattutto con il sorriso alla crisi in atto. Chiudere definitivamente col passato, non avere paura dei cambiamenti e quindi ricostruire su un terreno sano e solido” questo il messaggio di GHERI.

Sentimenti sani, musica incalzante, ritmica ed avvolgente, energia allo stato puro.

Gheri, nome d’arte di Gabriele Cancogni, nasce il 28 Gennaio 1981 a Pietrasanta (LU) è un cantautore italiano.All’eta di 16 anni inizia a suonare la batteria e il pianoforte.A 18 anni  si avvicina alla chitarra acustica e alla scrittura. Si trasferisce a New York dove per un anno fa esperienze in campo musicale. L’anno successivo parte per Dublino come musicista di strada .

Da un incontro fortunato, nasce una collaborazione formativa con Paul Mooran, dove si avvicina al Folk. L’anno dopo si trasferisce in Colorado ed inizia il suo amore per il Southern Rock.

Negli anni successivi entra nell’agenzia di management di Michele Torpedine. Collabora con Max Marcolini e viene chiamato da Zucchero per la realizzazione dell’album “Fly” co-autore del brano “Quanti anni ho” e per l’album “Chocabeck”, co-autore del brano “Oltre le rive”.

(Visitato 441 volte, 1 visite oggi)

Comico, regista, attore e penna affilatissima del Vernacoliere. Claudio Marmugi si racconta a “Ridi Versilia”

Proclamati i finalisti del Premio Giovane Holden, le premiazioni a Palazzo Ducale