FORTE DEI MARMI. “Come non dar ragione al gestore del Bagno Alex che si autolimita nella ristorazione e chiude lo stabilimento balneare alle 21? E come non essere d’accordo con chi chiede che le feste serali e, quindi i rumori, non vadano oltre una certa ora stabilita dalle regole comunali? Il guaio è che sia nel primo che nel secondo caso si sentono isolate voci di dissenso mentre è assente un approfondimento della questione nelle sedi e nei tempi appropriati”. Lo scrive in una nota il Gruppo d’Opinione via Versilia-Forte dei Marmi.

“I tempi dovrebbero essere quelli dell’autunno e dell’inverno, le sedi quelle amministrative ma anche quelle dei gruppi politici del paese. Invece accade che, passata l’estate, ci si dimentica di tutto quello che è successo: gli amministratori comunali sono presi da problemi contingenti, la parte politica tace perché, presumibilmente, quando ancora esiste, non sa cosa dire.

“Insomma, siccome tutti stanno zitti, vien da pensare che in fondo vada bene così. E, d’altra parte, molti anni fa, un vecchio sindacalista di Viareggio, interpellato su alcune tematiche riguardanti il lavoro estivo nel nostro paese, se ne uscì con questa espressione: Forte dei Marmi è una repubblica a sé. E, forse, così è rimasta nel tempo”.

(Visitato 69 volte, 1 visite oggi)

Luglio da record, da quasi 100 anni non pioveva così tanto in Toscana

A Massarosa corsi per fare il pane in casa